Il video della pasta che nessuno sa imitare, Paola Abraini ci accompagna alla scoperta de Su Filindeu (fili di Dio), l'antica pasta barbaricina.

video sardegna su filindeu

Video Sardegna

Su Filindeu, l'antica pasta barbaricina

La Donna Sarda

Filindeu, in sardo della Barbagia. Traduzione: fili di Dio. Sottilissimi e in controluce addirittura trasparenti i fili che Paola forma con le dita di una mano e con l’altra allunga con un movimento dolce, armonico e poi all’improvviso bruscamente rapido. Un piccolo cilindro d’impasto: semola di grano duro, acqua e salamoia. È la pasta più rara al mondo. Sono neanche dieci le donne a saperla fare, quattro di Nuoro, stessa famiglia, da più di 200 anni di madre in figlie e nuore. A chiederla vengono dal Giappone, dall’Arabia e dalle Americhe. Paola rivela candidamente la ricetta: «Semola di grano duro, acqua, salamoia e... olio di gomito». Solleva lo sguardo concentrato sull’impasto e cadenza: «Il segreto è l’olio di gomito: lavorare l’impasto, modellarlo, stirarlo e lavorarlo ancora».

LEGGI TUTTO