Menu
Sei qui: SardegnaSagreSagra di Sant'Antioco

Sagra di Sant'Antioco Martire 2019

2019-04-10 13:26:29

festa sant antioco martire 2019

FESTA DI S.ANTIOCO MARTIRE 2019

4 - 6 maggio 2019

Booking.com

Programma della 660esima edizione della Festa di S.Antioco, che si svolgerà dal 4 al 6 maggio 2019.

SABATO 4 MAGGIO 2019

11.00 Palazzo Municipale, Inaugurazione mostra fotografica "La Festa del Santo"
18.00 Chiesa di S.M. Goretti, Pellegrinaggio e offerta del pane "Is Coccois", con gruppi folk e suonatori di Launeddas
18.00 Corso Vittorio Emanuele, Inaugurazione "Sulkinfiera"
21.00 Piazza Umberto, Làntias - concerto con musiche originali di Elena Ledda, Mauro Palmas, Silvano Lobina, Marcello Peghin

DOMENICA 5 MAGGIO 2019

10.00 Corso Vittorio Emanuele, apertura fiera della Sardegna "Sulkinfiera"
11.00 Sfilata de "Is Traccas" provenienti da diverse parti della Sardegna
15.00 Lungomare, parco Giardino, pariglie con i cavalli provenienti da diverse parti della Sardegna
18.00 Balli sardi itineranti tra la piazza Italia, Corso Vittorio Emanuele e piazza Umberto
21.00 Piazza Umberto, concerto del gruppo "Armeria dei Briganti"

LUNEDI 6 MAGGIO 2019

10.00 Corso Vittorio Emanuele, apertura fiera della Sardegna "Sulkinfiera"
17.30 Basilica si Sant'Antioco Martire - Celebrazione solenne in onore del Santo, Presieduta da S.E Rev.ma Mons. Giovanni Paolo Zedda
18.30 Solenne processione in devozione al Santo Antioco, con la partecipazione dei gruppi folk provenienti da tutta la Sardegna, cavalli e “traccas”
22.00 Spettacolo pirotecnico sul lungomare

COME ARRIVARE A SANT'ANTICO PER LA SAGRA

 

STORIA SAGRA SANT'ANTIOCO

Secondo la tradizione Antioco nacque in Mauretania sul finire del I sec. d.C., medico e scienziato, aderì alla religione cristiana contribuendo alla sua diffusione e alla conversione di numerosi infedeli, testimoni della miracolosa opera esercitata del guaritore. La “Passio”, tramandata dai monaci di San Vittore di Marsiglia, narra delle torture subite da Antioco in Africa ad opera dei romani, fino alla “damnatio ad metalla” ossia la condanna ai lavori forzati nelle miniere, che lo condusse sull’isola sulcitana nella quale fondò la prima comunità cristiana sarda.

A Sulci, raccolto in preghiera nella sua grotta, Antioco morì mentre attendeva di venir prelevato dalle guardie romane che dovevano condurlo a Karales. Subito dopo la sua morte, che la tradizione fissa attorno all'nno 127, la fama delle sue opere si sparse nel Sulcis e poi in tutta la Sardegna. Nel luogo del "martirio" del santo moro sulcitano, i cristiani, desiderosi di essere sepolti attorno alla tomba del Santo, crearono l’unica area catacombale della Sardegna e il primo nucleo di una delle chiese più antiche della Sardegna.

Fonte: http://www.santantiocoeventi.com

Go to top