aereo-meridiana

Nuova continuità territoriale, ecco le tariffe: il 10 gennaio scorso la Giunta regionale ha approvato, su proposta dell'assessore dei Trasporti, Massimo Deiana, le linee di indirizzo strategiche per il nuovo bando sulla continuità territoriale aerea, cioè i collegamenti da Alghero, Olbia e Cagliari per Roma-Fiumicino e Milano-Linate, da ottobre 2017 a ottobre 2021. Il costo per le casse pubbliche sarà di circa 51 milioni di euro l'anno, 30 da parte dello Stato e 21 milioni messi a disposizione dalla Regione Sardegna.

Tariffe più basse:

Molte le novità che lo stesso assessore Deiana ha illustrato alla commissione trasporti del Consiglio regionale, a partire dalle tariffe che prevedono, per 10 mesi l’anno, una tariffa di 37 euro per Roma e 46 per Milano per tutti, mentre nei 2 mesi estivi di maggior traffico (luglio e agosto), i sardi continueranno a volare con le medesime tariffe, mentre i non sardi pagheranno rispettivamente 70 e 80 euro (quindi meno del doppio, come invece era stato prospettato). Le tariffe succitate sono però al netto delle tasse aeroportuali e di altri oneri, che compongono il prezzo finale del biglietto.

Più posti a disposizione:

Altra novità è la disponibilità di sedili messi a disposizione dei viaggiatori che passano dai 2,4 milioni del 2016, lievitati a poco più di 3 milioni durante le emergenze, ad un nuovo modello che ne prevede circa 4 milioni il primo anno , ma che saliranno fino a 5 milioni egli anni a seguire, seguendo il trend di crescita del mercato degli ultimi anni. Insomma quasi il doppio.

Il percorso è ancora lungo e pure le cifre non sono ancora definitive, la commissione esprimerà infatti un parere preliminare, quindi il provvedimento tornerà in Giunta per l'approvazione definitiva. In base ai contenuti del documento approvato verrà poi predisposto il decreto ministeriale di imposizione degli oneri di servizio pubblico e, successivamente, sarà pubblicato il relativo avviso sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea. Da quel momento decorreranno sei mesi per la presentazione delle offerte da parte dei vettori. L'obbiettivo è quello di far partire la nuova continuità territoriale il prossimo ottobre.