sagra prosciutto talana 2019

Sagra del Prosciutto 2019

Talana, 4 agosto 2019

Booking.com

sagra prosciutto talana

Programma della Sagra del Prosciutto di Talana

programma sagra prosciutto talana 2019

http://www.sagraprosciuttotalana.it/

TALANA

Il paese può essere identificato urbanisticamente come uno dei più tipici ”centri di pendio” della montagna sarda, essendo posizionato su alcuni poggi solo in parte poco inclinati, che interrompono la sequenza dei ripidi costoni sottostanti al bosco di Funtana ‘e Filigi, e che poi ricominciano in una lunga sequenza fino alla valle di Coa ‘e Serra. Altrettanto tipica è l’esposizione a sud e a est delle case dell’abitato.

Talana ha conservato l’impianto tradizionale, con le strade strette e tortuose, il cui andamento per quanto possibile tende a essere orizzontale, lungo il profilo dei costoni; sono collegate da frequenti scalette e contornate da case a due, 3 e 4 piani, alcune ancora con la tipiche muratura in granito grigio e anch’esse a più piani; l’insieme delle strade converge sulla piazza di S. Marta.

Il paese non può essere definito ”ricco” di monumenti, comunque non mancano alcuni aspetti da sottolineare e testimoniare con adeguate descrizioni e fotografie. Ai due edifici ecclesiastici, dei quali la parrocchiale custodisce anche alcune opere d’arte di un certo interesse, occorre affiancare una rapida analisi riguardante le case antiche ancora presenti in gran numero fra le vecchie viuzze e, nel territorio, un cenno sui ponti della vecchia strada per Lotzorai, sugli ovili e le abbandonate ”dispense” dei carbonai.

Si è ritenuto di inserire anche un paragrafo riguardante un piccolo esempio di archeologia industriale sopravvissuto intatto, il mulino elettrico dove un tempo si macinava il grano e si otteneva la farina destinata alla panificazione per tutto il paese.

Talana possiede tipiche ricette culinarie, spesso tramandate dalle massaie locali. Grazie all’utilizzo degli ingredienti giusti, questi piatti possono essere preparati senza particolari difficoltà.

Gli arrosti di carne non presentano procedimenti particolari se non la preparazione con l’inserimento della carne negli spiedi e l’utilizzo di un fuoco all’aperto (unico condimento il sale), a parte la necessità di rigirare spesso gli spiedi per garantire una perfetta cottura (infatti si utilizza spesso un girarrosto elettrico). Oltre al maiale e alla vitella, tipicamente talanese come di altri paesi ogliastrini è l’arrosto con la carne di capra, dal particolare sapore forte e quasi ”selvatico”. Ottimo anche l’olio d’oliva e soprattutto il vino cannonau, prodotti nelle vigne e negli oliveti della pianura.

Il paese può essere identificato urbanisticamente come uno dei più tipici ”centri di pendio” della montagna sarda, essendo posizionato su alcuni poggi solo in parte poco inclinati, che interrompono la sequenza dei ripidi costoni sottostanti al bosco di Funtana ‘e Filigi, e che poi ricominciano in una lunga sequenza fino alla valle di Coa ‘e Serra. Altrettanto tipica è l’esposizione a sud e a est delle case dell’abitato.