Olbia conferma le ordinanze con le quali si dichiara guerra alla plastica usa e getta e al fumo sulle spiagge.

divieto plastica spiagge olbia

Divieto di Fumo e plastica nelle spiagge di Olbia

Si tratta di due aspetti importantissimi: la tutela dell’ambiente e la tutela della salute dei cittadini.

Alle porte dell’estate, l’amministrazione ricorda che sono tuttora vigenti ed assolutamente attuali, le due ordinanze del sindaco Settimo Nizzi emanate il 17 aprile 2019.

L’ordinanza n. 20 riguarda la minimizzazione dei rifiuti in plastica sul territorio comunale e la conseguente riduzione dell’impatto ambientale.  

«È vietato l’utilizzo di contenitori e altri prodotti di plastica monouso nelle aree particolarmente sensibili del nostro Comune come spiagge, siti archeologici, aree verdi, parchi pubblici e piazze. – afferma Nizzi – L’obiettivo è quello di incrementare e valorizzare la raccolta differenziata, andando a diminuire la percentuale di rifiuto secco a favore della quota destinata al compostaggio, ma anche quello di aumentare il ricorso a materie prime rinnovabili come le bioplastiche. Tutto nell’ottica di salvaguardare l’ecosistema e sensibilizzare ulteriormente i nostri concittadini verso scelte e comportamenti consapevoli e virtuosi in campo ambientale».

L’ordinanza n. 21 vieta il fumo e l’abbandono di rifiuti che derivano da esso.

Vietato dunque fumare nell’ambito degli 8 metri dalla battigia di tutte le spiagge di Olbia.

Nel provvedimento è inoltre sottolineato il divieto di gettare rifiuti prodotti da fumo sul suolo e nelle acque. Sarà possibile fumare solo nelle aree attrezzate ad ospitare fumatori o, al di fuori di queste ultime, solo se in possesso di apposito contenitore idoneo a raccogliere rifiuti da fumo, con chiusura ermetica, che impedisca la dispersione di mozziconi nell’ambiente.

«È volontà di questa amministrazione perseguire la diffusione di buone pratiche a tutela della salute, nello specifico la lotta al tabagismo e la prevenzione delle malattie che ne conseguono. – prosegue il sindaco – Inoltre, è innegabile che la dispersione dei mozziconi di sigaretta viene percepito come un evidente sintomo di degrado del tessuto ambientale e urbano. In virtù della vocazione turistica del territorio, oltre agli aspetti legati alla salute di ogni cittadino, riteniamo fondamentale contrastare i comportamenti degenerativi conseguenti al fumo di sigarette che ledono il diritto di ognuno dei nostri concittadini e dei turisti che hanno scelto il nostro Comune come meta delle proprie vacanze, a godere del benessere offerto dal vivere e soggiornare in un’ambiente bellissimo dal punto di vista naturalistico, decoroso e pulito».

Casa Vacanze Affittacamere con Piscina a Olbia. Le camere di Villa Mary dispongono di TV satellitare a schermo piatto e ...
Hotel Il Timone si trova a metà strada fra Porto Cervo e Porto Rotondo, a pochi km da Olbia, in un angolo di verde e tra ...
Meravigliosa Casa Vacanza con piscina nel Nord Sardegna a San Pantaleo. Diversi appartamenti con finiture di pregio, con ...
Fra i migliori B&B di Olbia, una grande terrazza fiorita, la vista suggestiva della chiesa di San Paolo, due pittoresche ...
Fra i migliori hotel sul mare di Olbia, il Mare Blue, è ubicato a pochi metri dalla spiaggia Pittulongu. Parzialmente ri ...
Jazz Hotel, nel Nord Sardegna a Olbia, è un hotel di nuova concezione che privilegia il comfort, l'alta qualità e l'acco ...

divieto plastica spiagge sardegna