Menu

Corbezzolo

flora sardegna corbezzolo

Corbezzolo: Una delle piante esteticamente più gradevoli dei boschi della Sardegna, arbusto sempreverde, vegeta anche tra i boschi di leccio, entro quota 800 m.slm, ma talvolta può spingersi fino ai 1200 metri.

Molto ramificato, con FOGLIE di un verde scuro vivo e lucido, dure e coriacee, persistenti e con il margine dentato.

Tipico della macchia mediterranea, in condizioni climatiche favorevoli il corbezzolo assume portamento arboreo raggiungendo anche i 10 metri di ALTEZZA.

La sua CORTECCIA ha una colorazione bruno-rossastra disposta in sottili scaglie. Sono sparsi sul fusto i suoi RAMI, quelli giovani color ocra-rossastro.

FIORI raggruppati in 15-30 infiorescenze terminali a pannocchia, sono bianchi e campanulati, penzolano come piccoli calici larghi 5-10 millimetri.

Il FRUTTO è una bacca globosa e carnosa, di colore rosso con superficie granulosa, è edule e saporito ma...non bisogna esagerare con le quantità...come sapevano anche gli antichi, al punto da chiamarlo Arbutus Unedo (“unum tantum edo“ = ne mangio uno solo, ogni tanto).

PARTICOLARITÀ: i frutti maturano in ottobre-dicembre, nell'anno successivo rispetto alla fioritura che dà loro origine...possono essere presenti sullo stesso arbusto bacche rosse mature, altre più chiare arancioni-gialle, altre ancora acerbe gialle-verdi e contemporaneamente i fiori che diventeranno frutti nella stagione successiva...

È assai noto per la produzione del tipico MIELE AMARO; consente di ottenere gustose marmellate.

Infine, è una pianta con spiccata capacità di reazione agli INCENDI, in grado di emettere vigorosi polloni per reagire velocemente dopo il mortale abbraccio del fuoco.

Agenzia Regionale Forestas

Autunno in Barbagia 2017

Autunno in Barbagia 2018: un circuito incantato che ci condurrà nei paesi dell’interno della Sardegna.

Go to top