Menu
Sei qui: SardegnaComuni SardegnaProvincia di CagliariComune di Domus de Maria

domusdemaria

Prefisso: 070
Cap: 09010
Abitanti: 1.711
Altitudine: 66 m slm

» Comune
» Scuole
» Parrocchie
» Farmacie
» Meteo Domus de Maria

Domus de Maria è situata a 49 Km a Sud Ovest di Cagliari, nel Sulcis meridionale, raggiungibile dalla Strada Statale 195 "Sulcitana".
Il paese sorge sulle pendici del Monte Cùccuru, a 66 m di altitudine, e la sua estensione territoriale è di circa 97 Km2. Nel 1751 gli abitanti erano 399, nel 1821 411; nel 1881 698; nel 1901 873; nel 2000 1529. La sua frazione è Chia, rinomata località turistica conosciuta e apprezzata per la bellezza del suo litorale e per il suo mare incontaminato.

All'interno del suo territorio si distinguono due ambienti del tutto diversi tra loro: uno è il centro abitato, situato all'interno di una zona collinare leggermente inclinata da Sud a Nord sulle pendici del colle Punta Cuccuru, ai bordi del massiccio montuoso del Sulcis; l'altro è il piccolo borgo di Baccu Idda nella frazione di Chia; sistema di case, talune anche molto vecchie, sul quale domina un sito nuragico interessato da un progetto di scavi e valorizzazione. Sempre all'interno del borgo si può visitare l'antica chiesetta dello Spirito Santo dalle antiche origini. I due centri abitati sono collegati tra loro, oltre che dalla strada statale anche da una strada interna detta Baccu Mannu. Dalle ultime case dell'abitato principale, parte la strada che raggiunge il Demanio di Is Cannoneris e Punta Sebera. Passando attraverso la località detta Sa Mitza 'e s'Orcu (grotte verso il monte Orbai, 688 m) dove i boschi sono costituiti prevalentemente da Leccio, Corbezzolo e Erica arborea.

Nella grande foresta di Is Cannoneris, interessata dal progetto del Parco naturale del Basso Sulcis, è possibile ammirare qualche splendido esemplare di Cervo sardo. Da punta Sebera (979 m) lo sguardo spazia sul territorio del basso Sulcis fino a Teulada, ed in giornate limpide oltre S. Antioco ad ovest, fino al Golfo di Cagliari ad est. I boschi sono anche meta per i cercatori di funghi, che giungono dai centri vicini. Splendidi sono gli ovoli e i porcini reali che le montagne riescono a produrre.

Da vedere:
La zona costiera di Domus de Maria, Capo Spartivento

 

Desulo - Nuraghe Ura 'e Sole

Il nuraghe Ura 'e Sole che si trova sulla sommità di Bruncu Nurage nel territorio comunale di Desulo, rappresenta il nuraghe che si trova alla maggiore altitudine della Sardegna: ben 1331 metri sopra il livello del mare! Seguono il nuraghe Margiani-Pubusa in territorio di Seui (circa 1.300 m. s.l.m.), il nuraghe Orotzeris

Leggi tutto...

Guasila - museo d'arte sacra Scrinia Sacra

Scrinia Sacra è un museo d'arte sacra realizzato a Guasila presso le ex carceri mandamentali in pieno centro storico. Le opere, molte delle quali in oro ed in argento e altri materiali preziosi, sono esposte in ordine cronologico (dal XVI al XX secolo) lungo un percorso di sei ambienti tematici che Leggi tutto...

Masua - Monumento naturale di Pan di Zucchero

Monumento naturale Pan di Zucchero (Concali su Terràinu) - si erge nella magnifica insenatura di Masua, è uno scoglio di calcare cambrico le sue misure sono 133 m altezza e 3,72 ha superficie, è uno dei più grandi e affascinanti faraglioni d'Europa.

 

Sardegna

SARDEGNA 2020

La "Sardegna", collocata nel centro del Mar Mediterraneo, coi suoi circa 1800 chilometri di coste rappresenta, per la posizione geografica e per la sua storia, una delle destinazioni più ambite di tutta Europa.

Secondo la leggenda Dio formò la Sardegna con il suo piede dandole l’impronta di un sandalo, da qui i nomi Ichnusa e Sandalyon attribuitigli da Greci e Fenici.

Il mare di questa grande isola mediterranea è tra i più belli e trasparenti che si possano vedere al mondo.

La Sardegna rispetto a tante altre aree d’Italia e d’Europa ha due vantaggi decisivi: un clima mite tutto l’anno ed un ambiente naturale, fra i più belli del Mediterraneo, ancora in gran parte incontaminato.

La Sardegna giustamente conosciuta per il mare, le sue coste sono ricche di insenature spiagge e angoli pittoreschi, sfortunatamente in pochi conoscono le sue zone interne, che forse rappresentano l’anima più genuina della Sardegna, un paesaggio montuoso spesso di una bellezza aspra e selvaggia che conserva intatto il fascino primitivo dell’isola per secoli “dimenticata”.

Le origini remotissime della Sardegna hanno superato la testimonianza storica ed affondano nella leggenda, così come avvolti nella leggenda sono i primi abitatori e le prime costruzioni, i nuraghi, considerati l’espressione architettonica della preistoria mediterranea.

Nota la grande e spontanea ospitalità dei sardi che, come tutti gli isolani, hanno sempre sete di contatti con il mondo esterno.

La flora: inconfondibili sono i profumi della macchia mediterranea che caratterizza quasi tutto il paesaggio sardo, ben distinti sono i sentori del mirto, del corbezzolo, del rosmarino e del ginepro selvatico.

Interessante é anche la fauna presente in Sardegna con il cervo sardo, il muflone, il cinghiale, l’aquila reale, l’avvoltoio grifone, i fenicotteri. Celebre, ma ormai scomparsa, é la foca monaca localizzata in passato nelle grotte marine della costa orientale.

Chi avrà fatto la scelta di visitarla non solo scoprirà di aver conosciuto uno dei luoghi più belli e originali, ma ricorderà certamente a lungo l'esperienza di una vacanza in una Sardegna che si offre al suo visitatore anche dal punto di vista gastronomico e artigianale, con i tanti piatti della cucina dei pastori o del mare e gli artistici manufatti come tappeti, cestini, ceramiche ed oggetti in filigrana d'oro.

Go to top