Menu
Sei qui: SardegnaCucinaVini SardegnaVino Sardo: Il Monica

Vino Sardo: Il Monica

monica

Il Monica

Il Monica, unitamente al Cannonau, è il vitigno rosso maggiormente presente in ogni regione agraria della Sardegna. Le sue origini abbastanza incerte Sembrano avvalorare l'ipotesi di una provenienza spagnola, da qui il nome ricorrente di Mora di Spagna'' . Il vitigno esprime tutta la sua esuberanza produttiva sui terreni profondi a, composizione mediamente calcarea.

Le zone collinari a media pendenza, ben esposte al Sole, sembrano essere le più adatte alla, produzione di uve Monica con un perfetto equilibrio di componenti coloranti e zuccherini. Nei vigneti di Monica vengono quasi sempre associate altre varietà d'uva (15-20 per cento), tendenti a far esaltare maggiormente le caratterizzazioni di pregio di questa cultivar.

Il vino Monica si qualifica prevalentemente per la sua morbidezza e delicatezza nel gusto e per una equilibrata gradazione alcolica mediamente compresa tra 11.50 e 1 2 . 50 . Ia DOC ne qualifica due tipi: il primo decisamente da pasto, denominato Monica di Sardegna, il secondo , più ricco di corpo e di alcool (minimo 13°) grazie ad un leggero appassimento delle uve sulla pianta, denominato Monica di Cagliari.

 

SCHEDA TECNICA
Vitigno/i:
Monica di Cagliari: Monica; Monica di Sardegna: Monica, ammessi (max. 15%), vitigni a bacca nera, non aromatici, raccomandati o autorirzati nella regione Sarda.
Zona d'origine:
Monica di Cagliari: in provincia di Cagliari e in quella di Oristano;
Monica di Sardegna: in tutta la Sardegna
Colore:
Monica di Cagllari: rosso rubino tenue, tendente all'arancione con l'invecchiamento;
Monica di Sardegna: rosso rubino chiaro brillante, tendente all'amaranto con l'invecchiamento.
Il tipo frizzante naturale presenta spuma delicata.


Odore:
Monica di Cagliari: intenso, etereo, fragrante, floreale; Monica di Sardegna: abbastanza intenso, fragrante.
Gusto:
Monica di Cagliari: secco o amabile, poco tannico. sapido, molto caldo, pieno, molto morbido;
Monica di Sardegna: secco, sapido, giustamente tannico, caldo, di corpo, morbido.
Grado alcoolico:
Monica di Cagliari: minimo 13° svolti e minimo 2.5° da svolgere;
Monica di Sardegna: 11 - 12.5° il tipo superiore, tipo secco o dry 13.5° svolti e max. 0.5° da svolgere.
Invecchiamento:
Monica di Cagliari: fino al I luglio successivo alla vendemmia;
Monica di Sardegna: fino al 31 marzo successivo alla vendemmia.
Il tipo secco superiore fino al I° settembre successivo alla vendemmia.
Invecchiamento:
Monica di Cagliari: fino al I luglio successivo alla vendemmia;
Monica di Sardegna: fino al 31 marzo successivo alla vendemmia.
Il tipo secco superiore fino al I° settembre successivo alla vendemmia.
Accostamenti al cibo: Monica di Cagliari: secco, grandi piatti di selvaggina, formaggi ricchi di sapore; Monica di Sardegna: primi piatti, carni rosse alla griglia, carni in umido (pollame), arrosti di carni caprine. : Monica di Cagliari: secco, grandi piatti di selvaggina, formaggi ricchi di sapore; Monica di Sardegna: primi piatti, carni rosse alla griglia, carni in umido (pollame), arrosti di carni caprine.
Go to top