La Fondazione Oristano, insieme al Comune di Oristano, sta lavorando alla programmazione di una serie di eventi che, nel rispetto delle norme anti Covid, permetteranno di celebrare la Sartiglia nell’anno 2021.

 

Immagine: comune.oristano.it

 

La Fondazione Oristano, preso atto di quanto stabilito durante la riunione tenutasi presso la Prefettura di Oristano, nell’esprimere il dispiacere per la mancanza della simbolica benedizione de su Componidori alla città, conferma l’impegno per garantire la promozione della secolare manifestazione.

Nonostante l’annullamento dell’evento a causa dell’emergenza sanitaria, si vuole offrire agli oristanesi la possibilità di assistere, sia pure non in presenza, ma solo con trasmissioni televisive o via web, a eventi legati alla Sartiglia.

La Fondazione Oristano, insieme al Comune di Oristano, sta lavorando alla programmazione di una serie di eventi che, nel rispetto delle norme anti Covid, permetteranno di celebrare la Sartiglia nell’anno 2021.

Il primo appuntamento sarà martedì 2 febbraio con la trasmissione delle celebrazioni della Candelora, alle ore 8,30 dalla Cattedrale per i falegnami e alle ore 9,30 dalla chiesa di Santu Giuanni de Froris per i contadini, in diretta televisiva su: SardegnaDue/EjatTv canale 172 del digitale terrestre, diretta sul canale Facebook Sartiglia e su quello di EjaTv e di Sardegna Eventi 24.

La diretta sarà disponibile anche sul sito www.sartiglia.info

L’emittente televisiva oristanese Super Tv trasmetterà la replica nel pomeriggio.


La Candelora da sempre rappresenta uno dei momenti più intensi della Sartiglia.

Sono tanti gli oristanesi che sin dalle prime ore del mattino partecipano alle cerimonie e alla festa che celebra il primo vero atto della nuova Sartiglia.

Si inizia con le messe celebrate nella Chiesa di San Giovanni dei Fiori alle 7,30 e nella Cattedrale di Santa Maria alle 8,30 durante le quali vengono benedette le candele che poi saranno donate alle persone più vicine ai gremi. Tra i primi a ricevere in dono la candela benedetta ci sono l’Arcivescovo e il Sindaco di Oristano.

L’antico cerimoniale della Sartiglia assegna ai presidenti dei Gremi (s’Oberaiu Majori del Gremio dei Contadini e il Majorale en Cabo del Gremio dei Falegnami) il compito di ufficializzare la scelta dei rispettivi Componidoris proprio con la consegna, ai cavalieri prescelti, del cero benedetto (con i fiocchi rossi quello dei contadini e rosa e celesti per quello dei falegnami).

La consegna dei ceri, scandita dalle musiche dei tamburini e dei trombettieri, è accompagnata dall’invocazione “Santu Giuanni t’aggiudidi” da parte de s’Oberaiu Majori dei Contadini e “Santu Giuseppi t’assistada” dal Majorale en Cabo dei Falegnami.

candelora sartiglia 2020