Nel secondo concerto del Sound, Stone & Soul Festival a San Pantaleo, tradizione e innovazione si fondono insieme sulle note del trio Elva Lutza per ricreare un’atmosfera unica e dai suoni mediterranei che abbracciano il folk, impreziositi dalla voce della cantante catalana Ester Formosa.

Elva Lutza Ester Formosa san pantaleo

Musica e tradizione nel secondo appuntamento del Sound, Stone & Soul Festival

Sul palco Elva Lutza ed Ester Formosa

Dopo il successo della serata di apertura dedicata a “La buona novella” di Fabrizio De André, mercoledì 26 giugno, alle ore 22:00, il borgo di Olbia è pronto a ospitare un nuovo appuntamento musicale organizzato in occasione del Festival, targato Circolo musicale Laborintus e Consorzio Turistico San Pantaleo.

Il concerto. Sul palco, allestito in piazzale via Molise, ci saranno Nico Casu (voce e tromba), Gianluca Dessì (chitarre), Bruno Piccinnu (percussioni mediterranee), ed Ester Formosa. Un progetto in cui la tradizione sarda sposa quella catalana, castigliana e antica sefardita. Un viaggio tra sonorità del passato e modernità che arriva al pubblico attraverso la musica degli Elva Lutza e la voce della cantante catalana. Il trio sardo, vincitore del prestigioso Premio Andrea Parodi nel 2011, ha pubblicato due album acclamati, incluso "Cancionero", ed è stato finalista al Premio Tenco 2019 nella categoria interpreti. Ester Formosa, una carriera lunga trent’anni e sette album al suo attivo, vanta numerose collaborazioni con artisti di fama internazionale tra cui il chitarrista Toti Soler. Il concerto si aprirà con una riflessione di Gianluca Dessì dal titolo “Musica tradizionale o popolare?”.

Assaggi di vino. La serata comincerà alle 19:30 con “assaggi di vino” offerti dalla Cantina Consorzio San Michele. La cantina è una piccola realtà dalle grandi risorse, con le vigne incastonate tra le colline a pochi passi da Berchidda che creano un forte legame tra campagna e territorio nel quale affonda le radici la tradizione vinicola portata avanti dai soci Gianni e Tonino Gaias, Silvio Fresu e Domenico Barletta. Le varietà coltivate sono il Vermentino di Gallura DOCG in tre diverse declinazioni (Sinfonia, Invidia e Superbia) e il vino a Indicazione Geografica Tipica Isola dei Nuraghi Gola, ottenuto da uva Cagnulari al 70% e da altre uve autoctone del territorio e a bacca rossa per il restante 30%.

Il prossimo appuntamento con il Festival, l’omaggio a Billie Holiday “Un mistero nero”, è in programma il prossimo 10 luglio.

Il “Sound, Stone & Soul Festival” è organizzato dal Circolo musicale Laborintus di Sassari, da quarant’anni impegnato nel promuovere eventi originali e di rilievo tra cultura e musica in tutta l’Isola, insieme al Consorzio Turistico di San Pantaleo. Il Festival è finanziato anche dalla Fondazione di Sardegna, dalla Regione Sardegna e gode del patrocinio del Comune di Olbia e della Confcommercio Nord Sardegna. Rientra inoltre nella rete degli eventi promossi e finanziati dal progetto “Salude & Trigu” della Camera di Commercio di Sassari. Collabora alla manifestazione anche la società Alberea che, impegnata da anni per arginare l’emergenza climatica, in occasione della manifestazione garantisce la piantumazione di venti alberi del “bosco Laborintus” nel comune di Olbia. Si consiglia di parcheggiare l’auto all’ingresso del borgo

iscrizione canale whatsapp paradisola

Paradisola è anche su WhatsApp con il suo canale dedicato: trovi tutti gli eventi da non perdere, le ultime notizie e tante proposte vacanze dedicate alla Sardegna!