Menu
Sei qui: SardegnaComuni SardegnaProvincia di SassariComune di Cheremule

Comune di Cheremule

cheremule

Prefisso: 079
Cap: 07040
Abitanti: 469
Altitudine: 540 m slm

» Comune
» Scuole
» Parrocchie
» Farmacie
» Meteo Cheremule

II paese di Cheremule, poco lontano dall'abitato di Thiesi, è situato alle falde del Monte Cuccumddu (m. 676 s.l.m.), antico cono vulcanico del quaternario profondamente segnato da una cava per l'estrazione della pomice, in uso fino a pochi anni or sono. E' sovrastato da una rigogliosa pineta, ed ha origini medievali.

Il centro storico è rimasto pressoché intatto fino agli anni '60 e si raggruppa intorno alla cinquecentesca chiesa parrocchiale di San Gabriele Arcangelo, recentemente restaurata, e annovera alcuni edifici di chiara fattura ottocentesca. Il territorio comunale si estende principalmente verso la Valle dei Nuraghi, con un sistema collinare costituito da tavolati calcarei; il paesaggio è segnato dalla presenza assai cospicua di boschi di lecci e da numerose "pinnette", piccole costruzioni circolari in pietra a secco e copertura a cupola, caratteristiche delle zone abitate da pastori. La zona è particolarmente ricca di acque sorgive, tra le quali è nota la fonte di Nuraghe.

Il territorio di Cheremule è anche assai ricco di testimonianze archeologiche che confermano una presenza insediativa costante a partire dal periodo neolitico (4500- 2500 a.C.) e documentata fino al medioevo. Oltre ai numerosi nuraghi ancora visibili, è particolarmente significativa la presenza di necropoli del periodo neo-eneolitico, costituite da importanti gruppi di domus de janas. Sotto questo aspetto il sito più importante è quello di Museddu, dove si può visitare la "Tomba Branca", riutilizzata in epoca medievale, come dimostrano le incisioni antropomorfe visibili sul lato destro dell'anticella. Un'altra domus assai significativa è la cosiddetta "Tomba della Cava", anch'essa caratterizzata dalla presenza di incisioni ai lati dell'ingresso, localizzata in un'area dalla quale veniva estratto del materiale calcareo e risulta si producesse dell'ottimo vino fin dall'epoca romana.

Da vedere:
domus de janas Tomba Branca, domus de janas Tomba della Cava, parrocchiale di San Gabriele Arcangelo

 

Go to top