Menu
SardegnaArticoliTurismo e vacanzeAirBnb: 70mila turisti l'hanno scelta a Cagliari e Olbia

AirBnb: 70mila turisti l'hanno scelta a Cagliari e Olbia

cagliari

Da quando è esplosa la sharing economy è divenuto più facile per tutti entrare nel mercato con i propri beni e servizi, spesso con una semplice app che ha abbattuto in un colpo solo ogni barriera. A prescindere dai problemi di regolamentazione, specie legislativa e fiscale, che ciò ha comportato, il mondo che conoscevamo è stato letteralmente stravolto da app come Uber, Airbnb, Blablacar e simili. Ma qual è stato l'impatto di Airbnb in Sardegna? I dati sono stati diffusi dalla stessa società che ha raccontato come siano stati complessivamente 70mila gli arrivi di turisti nel 2017 a Cagliari e Olbia: 40mila nel capoluogo sardo, provenienti da 93 nazioni diverse, e 30mila da 86 paesi nella città gallurese.

Quanto si guadagna con AirBnb:

Sfatiamo un mito, non si diventa ricchi. Basti infatti pensare che a Cagliari l'host tipico affitta per 35 notti l'anno, con un guadagno medio di circa 2.800 euro. Venticinque invece le notti a Olbia con un guadagno che scende a 2.700 euro. Una somma che aiuta a mettere a frutto un'immobile e ad avere un'entrata supplementare, ma che solo in rari casi si trasforma in un vero e proprio "lavoro".

Secondo un sondaggio si Airbnb presso la sua community poi, la maggior parte degli ospiti ha dichiarato di aver scelto questa soluzione spinta dalla possibilità di poter vivere come una persona del luogo (79%) e perchè più conveniente rispetto all'offerta turistica tradizionale (89%). Oltre la metà (53%) dice di aver speso presso attività locali quanto risparmiato in fase di prenotazione, con il 44% di tutti gli acquisti effettuati in prossimità del luogo di soggiorno anziché presso i tradizionali distretti turistico-alberghieri.

Così Chris Lehane, Global Head of Policy and Communications di Airbnb:

Il business dei viaggi e del turismo registra tassi di crescita superiori alla maggior parte degli altri settori. E' cruciale perciò - spiega - che più persone possibile possano beneficiarne. Oggi però non tutte le forme di turismo sono uguali. Airbnb costituisce un'alternativa più democratica rispetto al tradizionale turismo di massa che da decenni fa sentire i suoi effetti alcune città.

Go to top