Menu
Sei qui: SardegnaArticoliTurismo e vacanzeARST: Biglietto unico anche ad Alghero, Macomer, Carbonia e Iglesias!

ARST: Biglietto unico anche ad Alghero, Macomer, Carbonia e Iglesias!

pullman-arst

Continua la rivoluzione nel trasporto locale in Sardegna, dopo l'applicazione nelle aree di Cagliari e di Sassari e nelle province di Nuoro e di Oristano infatti, la tariffazione integrata adesso viene estesa anche alle città di Alghero, Macomer, Carbonia e Iglesias, dove l’Arst esercita il trasporto urbano. A partire dal 1 gennaio 2018 infatti gli utenti potranno acquistare un unico biglietto o abbonamento che integri i servizi di mobilità automobilistici urbani, extraurbani e ferroviari. Pertanto, chi per esempio dovrà recarsi ad Alghero da Sassari con il treno Arst e poi proseguire con un mezzo di trasporto in città, potrà avvalersi di un unico titolo di viaggio con un risparmio pari anche al 35% nel caso di abbonamenti mensili impersonali. Da segnalare che i nuovi titoli di viaggio integrati si aggiungono e non si sostituiscono a quelli già esistenti.

Risparmi fino al 35%:

Facciamo un esempio, se una corsa semplice in linea extraurbana, per esempio nella fascia chilometrica fra 0 e 10 chilometri, costa 1,30 euro e se a questa si somma il costo di un'altra corsa semplice urbana da un euro, si giunge attualmente alla somma di 2,30 euro. Con l'integrazione tariffaria, invece, per coprire lo stesso tragitto extraurbano e urbano, si acquisterà un biglietto unico che costerà complessivamente 1,70 euro risparmiando il 26% sul totale di 2,30.

Agevolazioni tariffarie sui traghetti per le isole minori:

Ma non solo, la Regione Sardegna ha infatti previsto agevolazioni tariffarie a favore delle categorie svantaggiate per usufruire dei servizi marittimi in continuità territoriale con le isole di San Pietro e La Maddalena:

  • Percentuale di invalidità tra il 50 per cento e il 79 per cento e un reddito Isee inferiore a 18mila euro e i reduci di guerra, avranno diritto a un biglietto pari al 10% del costo totale.
  • Percentuale di invalidità tra l’80 e il 100 per cento e un reddito Isee inferiore a 25.500 euro, pagherà un biglietto pari al 5% del totale.

Le agevolazioni sommate non dovranno superare il tetto massimo di 270 euro, cumulativo per tutti i servizi di trasporto pubblico locale. Stesse regole possono applicate anche agli accompagnatori degli utenti in categoria svantaggiata. Confermato anche il diritto all’agevolazione per gli accompagnatori dei viaggiatori disabili (ciechi, invalidi e minori) che superino il limite reddituale previsto. La Giunta infine, nell’ottica di incentivare la mobilità familiare, ha stanziato 600mila euro per rimborsare gli studenti di età inferiore ai 18 anni che hanno acquistato abbonamenti annuali o mensili (questi ultimi relativi solo a novembre e a dicembre) nel corso del 2017.

Go to top