Menu
Sei qui: SardegnaArticoliTurismo e vacanzeArkeosardinia, ecco il nuovo portale dell'archeologia sarda!

Arkeosardinia, ecco il nuovo portale dell'archeologia sarda!

sardegna archeologica

E' stato presentato ieri Arkeosardinia, il nuovo portale dedicato all'archeologia sarda e realizzato in collaborazione tra le quattro Camere di Commercio della Sardegna, la Soprintendenza Archeologica e l’assessorato regionale al Turismo. Il sito è modernissimo e con qualità dei video e delle immagini decisamente eccezionale (ci sono anche le riproduzioni 3D dei siti), vi sono presenti i 48 principali siti e i 23 musei archeologici isolani, con tutte le informazioni, le immagini e le indicazioni per arrivarci. Prevista in futuro  anche la possibilità - non ancora implementata - di prenotare e pagare on line la visita guidata e di trovare le strutture ricettive più vicine ai rispettivi siti.

Curioso il logo, non tanto per il nome del sito, ma per la  “o” di Arkeo realizzata alla moda degli occhi dei giganti di Mont’e Prama. L'unica cosa che mi lascia perplesso è stata la scelta di non integrare il sito in Sardegna Turismo o Sardegna Cultura, creando alla fine un doppione e di ignorare l'apporto di associazioni e privati, come Nurnet, che stava provando a realizzare qualcosa di simile e che può vantare un geo portale di oltre 7000 siti con schede dei monumenti, foto e video (no, non 48) realizzato con la collaborazione degli appassionati di ogni singolo paese o quasi della nostra isola. Non capisco perché sprecare in questo modo un tale patrimonio di risorse, inteso come soldi e come professionalità, come passione, tempo e impegno.

Ciò detto Arkeosardinia è decisamente un sito di qualità elevatissima, adesso mi aspetto che il progetto venga seguito, sviluppato, allargato. Non sempre in Sardegna capita. Aspettiamo fiduciosi.

Mappa archeologica della Sardegna:

Intanto decine di migliaia di copie cartacee della mappa archeologica della Sardegna verranno distribuite nei siti, nei musei e nelle strutture ricettive oltre a essere contenuta all’interno del numero di agosto della prestigiosa rivista “DOVE”, che dedica alcune pagine al progetto nel numero in uscita in agosto, allegato al quale cìè anche la carta archeologica dell’isola.

Adesso serve un ultimo passo, l'adeguamento almeno della segnalatica stradale, perché è inutile distribuire le cartine se poi i cartelli in loco mancano e quando ci sono spesso portano nel nulla o creano confusione.

Go to top