Menu
Sei qui: SardegnaArticoliStoria e ArcheologiaNuraghe Arrubiu a Orroli: Ritrovato panificio nuragico del 13mo secolo a.C.

Nuraghe Arrubiu a Orroli: Ritrovato panificio nuragico del 13mo secolo a.C.

nuraghe arrubiu orroli interno

E' uno dei nuraghi più grandi della Sardegna, impressionante il suo numero di torri. Il mastio centrale è infatti circondato da 5 torri, attorno alle quali si trova cinta esterna con altre 7 torri. Ma non basta perché una seconda cinta muraria presenta 5 torri e la terza cortina difensiva alle 3. Il totale è presto fatto: 21 torri per una superficie di 3000 mq. Stiamo parlando del nuraghe Arrubiu di Orroli.

Proprio tra Isili, Orroli e Nurri si coltiva il grano Senatore Cappelli in regime biologico, che viene largamente lavorato nel Mulino di Nurri e trasformato in ottimo pane biologico realizzato con il lievito madre ( mai assaggiato il pane del Panificio Kentos di Orroli (già premiato dalle stelle Foodies per il suo pane dei centenari).

Bene, leggo oggi su La Nuova Sardegna di un'altra grande scoperta, proprio presso nuraghe Arrubiu, in una camera di una delle torri del nuraghe pentalobato, nel corso di ricerche condotte da Fulvia Lo Schiavo, coadiuvata da Mauro Perra, curatore del museo la casa del nuraghe Arrubiu, è stato scoperto un laboratorio per la panificazione, risalente al tredicesimo secolo avanti Cristo, l'età dell'oro della civiltà nuragica.

Ritrovati, spiega sempre il quotidiano del nord Sardegna: piastre di cottura, recipienti per la preparazione del pane, decine di macine e macinelli in basalto, elementi di falcetto in ossidiana e numerosi frammenti di un preparato alimentare che è stato riconosciuto come pane non lievitato.

La scoperta verrà presentata domani venerdì 24 aprile 2015 alle ore 11,00 nel teatro comunale di Orroli. Noi non possiamo non constatare con piacere quanto affondino nei millenni le tradizioni della Sardegna, anche enogastronomiche. Sarà questo il vero segreto dei centenari sardi?

photo credit:Hans Peter Schaefer, licenza Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported

Go to top