Menu
Sei qui: SardegnaArticoliSportFabio Aru al Giro 2017, arriva la conferma!

Fabio Aru al Giro 2017, arriva la conferma!

tifosi-pro-aru-al-giro

Nessuno credeva davvero che Fabio Aru potesse mancare l'appuntamento con il giro del centenario che il prossimo anno partirà dalla Sardegna con tre splendide tappe - l'Alghero-Olbia, la Olbia-Tortolì e la Tortolì-Cagliari - , c'era però trepidazione per la conferma ufficiale che è arrivata ieri dal suo direttore sportivo. Insomma ora possiamo dirlo Fabio Aru parteciperà al Giro d'Italia 2017 e per le strade dell'isola la festa sarà doppia con - ne siamo sicuri - decine di migliaia di sardi lungo il percorso della corsa rosa a salutare il campione di Villacidro.

Aru e Nibali finalmente contro:

Ma non solo ad aggiungere un po' di pepe al prossimo Giro d'Italia anche la partecipazione di Vincenzo Nibali, che rinuncerà al Tour (il Giro100 passerà anche in Sicilia) e  che - avendo cambiato squadra - correrà per la prima volta da avversario con Fabio Aru, il quale, dal canto suo, mira all' accoppiata Giro/Vuelta, partecipando quindi anche alla corsa spagnola già vinta nel 2015 e riunciando anch'egli al Tour de France, specie dopo l'esperienza negativa dello scorso anno.

A raccontare i dettagli della prossima stagione, è stato il direttore sportivo dell'Astana Giuseppe Martinelli che in un’intervista alla Gazzetta dello Sport ha dichiarato:

Mancherà soprattutto la certezza di risultati che garantiva Vincenzo soprattutto nella prima parte di stagione. Di sicuro la maggiore pressione non peserà su Aru. In merito alla preparazione, vi garantisco che Fabio correrà più di quest’anno. Il debutto potrebbe essere alla Valenciana per poi puntare su Abu Dhabi e la Tirreno. Mi sento di poter dire che è inimmaginabile che non saremo al Giro. Più facile che l’accoppiata sia Giro-Vuelta piuttosto che Giro-Tour.

Che ha anche fatto anche un confronto tra i due corridori nelle grandi corse a tappe:

Fabio ha attinto molto da Vincenzo. In primis, come si gestisce tatticamente una corsa anche se tra i due permangono delle differenze sostanziali. Nibali è più un corridore fuori dagli schemi mentre Fabio è più calcolatore e se non si sente al 100% non si muove.

Insomma, prepariamoci perché sulle strade del Giro 100 ci sarà grande battaglia!

Go to top