Menu
Sei qui: SardegnaArticoliMusica, Arte e CulturaLove Sharing, a Cagliari il festival di teatro e cultura nonviolenta

Love Sharing, a Cagliari il festival di teatro e cultura nonviolenta

 

Love Sharing 2019 cagliari

Dal 17 al 26 ottobre a Cagliari la quinta edizione di Love Sharing

il festival di teatro e cultura nonviolenta organizzato da Theandric Teatro.

Famiglie e comunità è il tema che caratterizza l’edizione 2019

che tra gli spazi del Teatro Adriano, Ex Art, Cineteca Sarda e Lazzaretto

ospiterà incontri,  mostre, spettacoli , proiezioni e degustazioni

con ospiti del calibro di Vladimir Luxuria, Tom Walker (Living Theatre),

Tami Dance Company (Israele), l’Ensemble Trame Sonore e Theandric Teatro Nonviolento,  tra gli altri.

Spegne le sue prime cinque candeline Love Sharing, il primo festival internazionale dedicato alla cultura della pace e della nonviolenza: dal 17 al 26 ottobre a Cagliari, negli spazi del Teatro Adriano, Ex Art, Lazzaretto e Cineteca Sarda saranno tanti gli appuntamenti che avranno come filo conduttore l'approccio nonviolento alla soluzione dei conflitti, pubblici e privati, sociali e politici, declinato in molteplici versioni.

Booking.com

Il tema della manifestazione, organizzata da Theandric Teatro Nonviolento (compagnia di innovazione e sperimentazione nell'ambito del teatro politico) sotto la direzione artistica di Maria Virginia Siriu, quest’anno si concentrerà su “Famiglie e Comunità” affrontando la tematica da una prospettiva nonviolenta.

 

“Cosa spinge gli individui a creare legami duraturi e vivere insieme, riconoscendosi come un'entità unica, anche se al suo interno composta e variegata? Quali sono le diverse forme sociali che ne derivano? In che modo interagiscono tra loro? E, soprattutto, quali sono quelle che maggiormente riescono a fare dei propri membri delle persone libere, cercando di eradicare la violenza che da sempre affligge le società umane? Come sempre, Love Sharing punta a mostrare la ricchezza insita nella diversità, abbandonando la dittatura del singolare (il mito di una famiglia, una comunità) per la libertà del plurale – afferma la direttrice artistica Maria Virginia Siriu -, porteremo in primo piano le famiglie multiculturali, non presentandole come mostri mitologici, bensì passando direttamente a loro la parola, così come le famiglie arcobaleno (in collaborazione con associazioni attive nel settore); presenteremo forme di associazione straniere, a noi per lo più sconosciute, come i kibbutz israeliani, fino a scoprire le comuni anarchiche del mondo teatrale, come il Living Theatre di Judith Malina e Julian Beck. Famiglie e comunità verranno considerate non solo nella loro varietà osservabile nel mondo contemporaneo, ma anche nel loro cambiamento diacronico: dalla famiglia mononucleare, chiusa e poco solidale con il resto della società, fino alla nascita di forme di mutua assistenza come il co-housing, espressione di una forte esigenza di solidarietà a livello comunitario.

 

Protagonisti del ricco cartellone, saranno Vladimir Luxuria, Tom Walker (Living Theatre), Theandric Teatro Nonviolento, l’Ensemble Trame Sonore, Tami Dance Company (in arrivo da Israele), le compagnie Progetto GG (Emilia Romagna) e Scena Madre (Liguria), tra gli altri.

 

La rete di collaborazioni attorno alla manifestazione coinvolge associazioni e gruppi operanti a livello politico e sociale, appartenenti al mondo scientifico e istituzionale come Università degli Studi di Cagliari, AFFRICA – Centro Studi Africani in Sardegna, AGEDO, ARC onlus, ARCI Sardegna, Art'In Produzioni, Associazione di Immigrati "Corno d'Africa", Astafos Onlus, Asteras Associazione Culturale, Biblioteca della Nonviolenza, Centro Donna  CGIL, COSMOMED, Exmè Domus de Luna, Forma e Poesia nel Jazz, Formica viola, GUS – Gruppo Umana Solidarietà, “Io, noi”, Marina Nuovo Giorno, Movimento Nonviolento, Overlap, Sardegna Sacra, Se Non Ora Quando, SENZA CONFINI DI PELLE, Spirito Sportivo A.S.D., Teatro Adriano. Media Partner: Azione nonviolenta, Rumorscena, Unica Radio.

 

Love Sharing
sito: www.lovesharingfestival
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Go to top