Menu
Sei qui: SardegnaArticoliEventi e Tempo liberoJacopo Cullin torna sul palcoscenico nel 2021 per recuperare le date di "È inutile a dire!"

Jacopo Cullin torna sul palcoscenico nel 2021 per recuperare le date di "È inutile a dire!"

 

jacopo cullin cagliari 2020

Jacopo Cullin torna sul palcoscenico nella primavera 2021 per recuperare le date del tour di “È inutile a dire!” rinviate a causa della pandemia: il prossimo 24 aprile sarà in scena al Teatro Verdi di Sassari e il giorno dopo (domenica 25) al TEN di Nuoro. L’artista tornerà a Cagliari venerdì 30 aprile, sabato 1 e domenica 2 maggio per le date previste all’Auditorium del Conservatorio G.P. da Palestrina.

É lo stesso Cullin a motivare questa scelta, spiegando che “mantenere le stesse date rinviandole di un anno, nasce dall’esigenza di mettere alle spalle questo anno assurdo, con la speranza che questo momento di difficoltà abbia permesso alla gente di rivedere la scala delle proprie priorità, lasciando una traccia positiva, nonostante tutto. La condivisione e la risata stanno in cima alle mie priorità, e non vedo l’ora di tornare sul palco."

Ad affiancare l’attore e regista cagliaritano ci saranno il collega e amico Gabriele Cossu, con la parte musicale nelle mani dei rodati compagni di viaggio Matteo Gallus al violino, Andrea Lai al contrabbasso e Riccardo Sanna alla fisarmonica.

Le grafiche sono curate anche in questa occasione dall'artista sardo Giorgio Casu, in arte Jorghe, con le foto di Damiano Picciau.
"È inutile a dire!" si muove sapientemente sul confine tra ironia, comicità e riflessione su alcune tra le principali tematiche che caratterizzano il nostro tempo: società liquida, fragilità delle relazioni e la costante crisi esistenziale che pervade l'essere umano. In scena Cullin interpreta tre dei suoi storici personaggi (Signor Tonino, Salvatore Pilloni e Angioletto Biddi 'e Proccu), scelti appositamente per far sorridere e riflettere di fronte alle paure e nevrosi nel nostro tempo.

Per informazioni consultare il sito ufficiale di Jacopo Cullin (www.jacopocullin.com) o quello del Circuito BoxofficeSardegna.

L'ARTISTA - Jacopo Cullin

è un attore e regista cinematografico italiano. Nel 1998 frequenta degli stage di recitazione in Sardegna. Nel 2004 diventa famoso al pubblico isolano grazie alle sue apparizioni nel programma comico dal titolo Come il calcio sui maccheroni, trasmesso in prima serata da Videolina, prima emittente televisiva sarda. Tra il 2005 e il 2006 si esibisce nei più importanti teatri/anfiteatri della Sardegna con lo spettacolo dal titolo 6 in me!, chiudendo il tour all'Anfiteatro Romano di Cagliari. Nel 2006 si trasferisce a Roma e frequenta importanti seminari di recitazione, entrando a far parte dell'Actor's Center Rome. Nel 2007 torna all'Anfiteatro Romano di Cagliari con lo spettacolo dal titolo Non ricordo nulla! e nello stesso anno a Roma è protagonista della commedia Qualcosa di rosso scritta e diretta da Benedetta Buccellato. Nel 2008 partecipa al film TV Le ali in onda suRai 1 ed è coprotagonista della prima sitcom per i telefoni cellulari e internet Room4U Ospite Perfetto. Nel 2009 partecipa al film TV Al di là del lago, diretto da Stefano Reali. Nello stesso anno gira a Porto Rico Good Friends, il suo primo cortometraggio da regista. Nel 2010 è coprotagonista della serie TV Al di là del lago diretta da Raffaele Mertes e organizza e dirige lo spettacolo di beneficenza Centu Concas Una Berrita (il cui ricavato è devoluto all'Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica Sardegna). Nel 2011 è coprotagonista della mini serie Angeli e diamanti diretta da Raffaele Mertes. Nel 2012 scrive, dirige e interpreta il cortometraggio Buio. Nel 2013 è protagonista del film L'arbitro, selezionato nella sezione Giornate degli autori della Mostra del cinema di Venezia. Nello stesso anno dirige il cortometraggio Special Olympics e Gigi Riva per l'apertura dei giochi estivi Special Olympics. Nel 2014 gira il suo terzo cortometraggio dal titolo Grazie a te!. È tra i protagonisti del film Crushed Lives - Il sesso dopo i figli, diretto da Alessandro Colizzi, e partecipa al film La buca, di Daniele Ciprì. Nel 2015 il regista Gianfranco Cabiddu lo chiama per il suo film La stoffa dei sogni, presentato alle preaperture del Festival internazionale del film di Roma. Sempre nel 2015 dirige il cortometraggio Non aver paura, per la sensibilizzazione alla donazione del sangue.

Go to top