Menu
Sei qui: SardegnaArticoliCronaca e Attualità

Cronaca e Attualità

Il sindaco di Cagliari scrive a Jennifer Lopez: vieni a vivere a Cagliari!

 

jennifer lopez lettera sindaco cagliari
Immagine dal profilo Facebook ufficiale di Jennifer Lopez

Il sindaco di Cagliari scrive a Jennifer Lopez: vieni a vivere da noi a Cagliari

Jennifer Lopez ha rivelato a Vanity Fair il suo desiderio di lasciare gli USA per vivere in una tranquilla città italiana..

Vorrei vivere al di fuori degli Stati Uniti, in una piccola città in Italia, oppure dall’altra parte del mondo, a Bali. Vorrei vivere una vita più semplice e sana in un luogo in cui magari posso andare in bicicletta, comprare il pane e metterlo nel mio cestino e poi tornare a casa e metterci la marmellata sopra, e mangiare e dipingere e sedermi su una sedia a dondolo davanti ad una bellissima veduta di un albero di ulivo o di una quercia e semplicemente sentirne l’odore. Ho fantasie come queste

Questa la lettera con cui il Sindaco di Cagliari Paolo Truzzu la invita a scegliere Cagliari

Cara Jennifer, ho letto una tua intervista su Vanity Fair nella quale dici di essere alla ricerca di una piccola città italiana dove vivere con tempi rilassati, mangiare cose buone, godersi il ritmo lento delle giornate, a contatto con la natura e in un clima decisamente propizio.
Ho io la soluzione che fa per te, la città perfetta che cerchi!

Cagliari non è proprio piccola ma ti invito a venire a vivere qui, troverai tutto ciò che ti serve: la possibilità di riprendere gli spazi della propria vita, camminare per le vie del centro senza improbabili scocciatori, a contattato con gente discreta e attenta a non oltrepassare la privacy altrui, proprio come siamo noi sardi e cagliaritani.

C’è sempre un aeroporto efficiente che permette di spostarsi tranquillamente ovunque,  e luoghi dove, invece, nascondersi, riposarsi, dedicarsi a se stessi evitando i ritmi frenetici delle grandi città. Potrai frequentare splendide spiagge, apprezzare tramonti mozzafiato, vivere la straordinaria nidificazione dei fenicotteri rosa, gustare una splendida cucina e scoprire la storia e la cultura di una terra che è stata la culla di una antica civiltà e di una città capitale del Regno.

Quest’anno Cagliari sarà ricca di eventi di ogni tipo. Dalle gare dell’America’s Cup alle mostre, sarà un anno ricco da vivere con molta tranquillità.

Siamo qui... noi ti aspettiamo e siamo pronti ad ospitarti magari già il 1 Maggio, per la sagra di Sant’Efisio, una esperienza unica di fede e tradizione!

Paolo Truzzu


Jennifer Lynn Lopez, meglio conosciuta come Jennifer Lopez o col soprannome di J.Lo (New York, 24 luglio 1969), è una cantante, attrice, ballerina, imprenditrice, showgirl, produttrice discografica e produttrice cinematografica statunitense. Di origini portoricane, è una tra le maggiori esponenti del pop latino commerciali, la più ricca tra i latino-americani nell'ambiente hollywoodiano secondo Forbes, e la più influente attrice ispanica d'America secondo la lista dei "100 Ispanici più influenti" della rivista People en Español.

https://it.wikipedia.org/wiki/Jennifer_Lopez

Divieto "botti" al Capodanno di Alghero

 

capodanno alghero 2020

Capodanno Alghero 2020: vietati i botti dalle ore 08:00 del 20 dicembre 2019 e le ore 08:00 del 07 gennaio 2020, è tassativamente vietato a chiunque far esplodere fuochi d’artificio, petardi, “botti” di qualsiasi tipo su tutto il territorio comunale per il Capodanno 2020.

Eventuali deroghe, oltre alla prevista manifestazione di fine anno organizzata dall’Amministrazione Comunale, potranno essere concesse, sulla base di richiesta scritta e motivata, nell’ambito della tenuta di manifestazioni di rilevanza pubblica.

Lo prevede l’ordinanza n° 46 del Sindaco Mario Conoci, firmata e pubblicata sull’albo pretorio del Comune di Alghero.

“L’accensione ed il lancio di fuochi d’artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti ed il lancio di razzi – scrive nell’ordinanza - è sempre stato causa di disagio e oggetto di lamentele da parte di molti cittadini, soprattutto per l’uso incontrollato da parte di persone che spesso non rispettano le precauzioni minime di utilizzo. Tali comportamenti hanno provocato proteste e richieste di emissione di appositi atti interdittivi.”

Oltre alla disposizione contenuta - in cui i trasgressori saranno puniti con la sanzione amministrativa da € 25,00 a € 500,00 - l’ordinanza intende appellarsi soprattutto al senso di responsabilità individuale e alla sensibilità collettiva, affinché ciascuno sia pienamente consapevole delle conseguenze che tale comportamento può avere per la sicurezza sua e degli altri.

https://www.comune.alghero.ss.it

A Cagliari il grande Albero di Natale

 

grande albero natale Cagliari 2019

Il "Natale a Cagliari" si arricchisce grazie all'albero di dieci metri collocato nella Piazza Garibaldi che illuminerà il cuore dello shopping del capoluogo e darà l'opportunità ai cittadini e a chi arriverà a fare compere nel cuore della città, di poter scattare qualche foto ricordo utilizzando uno sfondo molto suggestivo.

Il posizionamento è stato fatto nelle prime ore della mattina ed è stato coordinato dall'Assessorato alle Attività Produttive e Turismo che ha scelto di abbellire la Piazza Garibaldi con uno dei simboli del Natale.

"L'imponente struttura - ha commentato l'Assessore Alessandro Sorgia - darà un tocco in più alle festività nella nostra città, che già da alcune settimane si sta preparando alle tradizioni natalizie con luminarie in varie parti di Cagliari, nei mercati civici, con animazioni e attrazioni varie, insegne adibite appositamente per l'occasione, mercatini in Piazza del Carmine, Piazza Yenne e Corso Vittorio Emanuele II. Sono in programma anche tanti eventi e molto altro, il tutto per arricchire ulteriormente quell'aria natalizia che già si respira e che avrà un altro elemento di grande interesse come questo Albero alto dieci metri, addobbato e illuminato. Sarà uno spettacolo unico che, sono certo, verrà immortalato con foto e selfie da tutti coloro che non vorranno perdersi uno spettacolo unico offerto da questa attrazione".

Fonte
https://www.comune.cagliari.it

“Shopping senza IVA” a Cagliari venerdì 1 e sabato 2 novembre 2019

 

shopping no iva cagliari

“Shopping senza IVA” in centro a Cagliari

Sono oltre centosettanta gli esercizi commerciali che, tra via Garibaldi, via Alghero, via Manno e dintorni, hanno aderito alla manifestazione “Shopping senza IVA” in programma nel cuore della città venerdì 1 e sabato 2 novembre.

“Con poco si può fare tanto” ha commentato l'Assessore alle Attività Produttive e Turismo, Alessandro Sorgia, nell'illustrare i dettagli dell'iniziativa questa mattina, martedì 29 ottobre, nella Sala del Retablo del Palazzo Civico. “Crediamo sia giunto il momento giusto in cui l'amministrazione combatta la grande distribuzione. Siamo al lavoro in piena sinergia con i commercianti perché, con un'azione comune, si possa arrivare a delle scelte partecipate che agevolino le piccole attività”.

L'idea, come sottolineato dall'Assessore Sorgia è semplice ed è nata da un'iniziativa dell'Associazione “Strada Facendo”, presieduta da Paolo Angius, affiancato in conferenza da Stefano Rolla come referente della via Manno. Per due giorni, i commercianti che hanno aderito, venderanno le loro merci scorporando l'IVA oppure applicando degli altri sconti in modo da rendere le vie dello shopping cagliaritano come una sorta di Zona Franca.

“Credo non ci sia mai stata una adesione così massiccia e questo è importante – ha commentato Paolo Angius – perché solo tutti insieme possiamo raggiungere grandi risultati. E questo non potrà che portare grandi benefici a tutti i cittadini in tema di sicurezza e vivibilità di Cagliari”.

Tre le modalità di adesione da parte dei commercianti che potevano scegliere se applicare lo scorporo dell'IVA (identificati con una locandina a sfondo giallo sulle vetrine), oppure se applicare uno sconto (locandina con sfondo rosa) oppure se sostenere il progetto ma senza applicare alcuna promozione.

“Questo – ha concluso il giro di interventi la consigliera Stefania Loi – è un progetto sperimentale per il quale auspichiamo un grande successo anche perché crediamo fortemente nella Zona Franca che può dare respiro al commercio. Sarebbe una inversione di rotta rispetto al momento di crisi attuale”.

Elenco partecipanti suddivisi per vie

Granito rosa della Sardegna: seconda pietra italiana dopo il marmo di Carrara

 

financial center ny

Financial Square, New York. Il granito Rosa Beta è una delle due pietre usate per il rivestimento dell’edificio (foto da: www.nyc-architecture.com).

Granito rosa della Sardegna, seconda pietra italiana nelle 22 al mondo per l'Unione internazionale di scienze geologiche

Granito rosa della Sardegna: seconda pietra italiana dopo il marmo di Carrara nella lista dell’Unione internazionale di scienze geologiche

Il prestigioso riconoscimento riguarda ventidue pietre dell’intero pianeta ed è maturato per gli studi di Nicola Careddu con il contributo di Silvana Grillo. I ricercatori dell’ateneo di Cagliari sono in prima fila negli studi sul “Rosa Beta” estratto nell’alta Gallura

Un titolo ambito. Lo scorso 22 luglio la sottocommissione Heritage Stones dell’Iugs (The International Union of Geological Sciences), ha conferito il titolo di Global Heritage Stone Resource (Ghsr) al granito rosa della Sardegna. Commercialmente noto come Rosa Beta, il pregiato minerale viene estratto nell’alta Gallura. Il prezioso riconoscimento ha un valore particolare anche per l’economia del territorio nord isolano.

Il lavoro di ricerca degli specialisti dell’ateneo. “Parliamo di un riconoscimento di elevata importanza culturale e scientifica. Il regolamento per le candidature infatti pone dei vincoli per l’assegnazione del titolo. Sono considerate candidabili quelle pietre che hanno un forte impatto nella storia, la cultura, l'architettura e l'arte oltre i confini di origine (estrazione) e sono attualmente in corso di estrazione” spiega Nicola Careddu. Lo studioso e docente al Dicaar (Dipartimento ingegneria civile, ambientale e architettura, Università di Cagliari) è stato il promotore dell’importanza del Rosa Beta: “Ho convinto i giudici senza particolari difficoltà. La pietra è stata utilizzata sin dalla protostoria (tombe dei giganti e nuraghi), in epoca romana e sino ai giorni nostri per il rivestimento e la pavimentazione di importanti edifici in tutto il mondo. La professoressa Silvana Grillo (Dipartimento scienze chimiche e geologiche) ha studiato la mineralogia e la petrografia del Rosa Beta, fornendo un importante contributo alla pubblicazione”.

Il marmo della Gallura brilla nei cinque continenti.  “Attualmente sono ventidue le pietre che nel mondo hanno avuto questo riconoscimento. Il granito sardo Rosa Beta - spiega il professor Careddu - è la seconda pietra italiana ad avere avuto il titolo dopo il celeberrimo marmo di Carrara”. Lo studioso della facoltà di Ingegneria ha pubblicato “57 - Rosa Beta granite (Sardinian Pink Granite) a heritage stone of international significance from Italy”, lavoro che ha confermato e consolidato la reputazione del comparto e della scuola di Ingegneria dell’ateneo del capoluogo. Nicola Careddu si occupa di rocce ornamentali e in particolare, studia anche la parte relativa al geoheritage e alla geoetica.

Informazioni: http://globalheritagestone.com (è il link al documento della sottocommissione Iugs che ratifica la classificazione del “Rosa Beta”)

Go to top