Menu
Sei qui: SardegnaArticoliBuone NotizieSardegna, arrivano le stazioni a misura di ciclista!

Sardegna, arrivano le stazioni a misura di ciclista!

bici treno

Mentre si aspetta che diventino operativi i famosi treni veloci dal collaudo infinito, una nuova rivoluzione sta per partire nelle stazioni sarde di Sassari, Oristano, Decimomannu e Carbonia Serbariu.

La Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus (FIAB) e Rete Ferroviaria Italiana (RFI - Gruppo FS Italiane) hanno infatti siglato un accordoun accordo a Roma, in occasione della settimana europea della mobilità sostenibile,avente come scopo quello di sviluppare nuove forme di collaborazione per favorire l'integrazione modale treno-bicicletta.

E allora in 180 stazioni a livello nazionale verranno elaborati progetti di potenziamento infrastrutturale per migliorare l'accessibilità delle stazioni e facilitare, a chi usa le due ruote, gli spostamenti in ambito ferroviario (marciapiedi, sottopassaggi pedonali).

In dettaglio l'accordo prevede:

  • la realizzazione di stalli pavimentati riservati al parcheggio di biciclette (e anche coperti);
  • l'installazione nelle scale dei sottopassaggi pedonali di sistemi per facilitare salita e discesa dei viaggiatori con bici al seguito quali scivoli e ascensori dimensionati che evitino di dover portare la bicicletta in spalla;
  • l'utilizzo di locali non più funzionali alle attività ferroviarie per noleggio e manutenzione delle due ruote;
  • la creazione di aree dedicate al bike sharing nei piazzali antistanti le stazioni ferroviarie, nelle città in cui il servizio è operativo;
  • l'installazione di segnaletica fissa e variabile dedicata.

Così Giulietta Pagliaccio, Presidente FIAB, commenta l'accordo:

L’accordo siglato oggi con RFI dà concretezza a un articolato programma di collaborazione con il mondo del trasporto su rotaia che, attraverso la convenzione stipulata a inizio anno con Trenitalia, ad esempio, ci vede già impegnati al tavolo di lavoro misto e permanente nato per elaborare e promuovere iniziative a favore dello sviluppo dell’intermodalità fra bicicletta e treno. Il progetto 500 stazioni– ha continuato la Presidente – prevede, infatti, un adeguamento delle stazioni ferroviarie con interventi e strutture che consentano l’accesso con la bici e facilitino l’intermodalità tra due mezzi di trasporto sostenibili.

photo credit: Trains & bikes via photopin (license)

Go to top