Menu
Sei qui: SardegnaArticoliAmbiente e natura

Ambiente e Natura

Puliamo il mare e le spiagge del Poetto e della Sella del Diavolo il 29 giugno!

 

puliamo mare spiagge cagliari 2019

Puliamo La Sella 2019

"Puliamo il mare e le spiagge del Poetto e della Sella del Diavolo"

Sabato 29 Giugno, la Fondazione #MEDSEA, in collaborazione con Corona x #ParleyfortheOceans, organizza l’edizione 2019 di PuliamolaSella!

Booking.com

Anche quest’anno effettueremo la pulizia dei litorali e delle spiagge che circondano la Sella del Diavolo e Marina Piccola. Unisciti a noi!

L’iniziativa è patrocinata dal ComunediCagliari con la collaborazione e il contributo dei seguenti chioschi del Poetto di Cagliari che hanno aderito al progetto #BarfortheSea: Aurora, Otium, Sella del Diavolo, Palm Beach, Twist, Fico d’India, Oasi Café, Corto Maltese, Dolce Vita, Iguana, Capolinea, Le Palmette, Miraggio, Il Nilo, Malibú e Aramacao.

Il supporto tecnico al Clean Up è garantito da:
- Scuola kayak G.S Aquila Cagliari #CarloConi
- Bike Lab di Roberto Tedde
- Tutti in Sup
- Cooperativa Golfo degli Angeli
- Way Sailing
- Air Sub
- Blue Tribüne - Settore Apnea
- Nemo Sub
- Sardegna Sottosopra
- Windsurfing Club Cagliari
- Gruppo “Non dispiacerti, fai qualcosa” di Nadja Maffei

È possibile prendere parte all'evento portando maschera e boccaglio o il proprio SUP o kayak. Se non ne disponi, unisciti alla schiera di volontari che a piedi, con buste, guanti e retini da noi forniti ripuliranno la spiaggia del Poetto e dai il tuo contributo per pulire e valorizzare il luogo simbolo della tua città.

PROGRAMMA PULIAMO LA SELLA 2019

Ore 9 - Incontro dei partecipanti al Porticciolo di Marina Piccola

Ci si dividerà in 4 gruppi: canoisti, utilizzatori di SUP, snorkelers, e squadre a piedi. Ciascun gruppo sarà coordinato da un esperto che assegnerà loro i tratti di costa da pulire. Le squadre a piedi saranno divise in due zone, da un lato si andrà a ripulire i sentieri della Sella del Diavolo, dall’altro si procederà in direzione della spiaggia del Poetto per raccogliere i rifiuti dall’arenile. Alle ore 12.30 si farà ritorno al punto di incontro con i rifiuti raccolti.

CONDIZIONI PER PARTECIPARE:

Possono prendere parte all'evento unicamente soggetti maggiorenni in buono stato di salute fisica e che abbiano compilato il modulo presente al presente link: http://www.medseafoundation.org/images/pdf/ModuloAdesionePuliziaSella.pdf
 e che l’abbiano rinviato firmato all'indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I partecipanti manlevano MEDSEA da ogni responsabilità per qualsiasi fatto verificatosi nello svolgimento delle attività, e da qualsiasi responsabilità civile, penale e/o risarcimento, per fatti, incidenti, disguidi, da lui subiti o recati, che potrebbero verificarsi nel corso delle attività.

Per informazioni, contattare:
Andrea (MEDSEA) 340 5983946
Roberto (MEDSEA) 327 8541202
Carlo (Olè Kayak) 347 8281145
Piera (MEDSEA) 349 8956952

https://www.facebook.com/events/2291604684396300/

Alghero | Porto Conte a tappe: il Faro di Capo Caccia e la stazione Meteo

 

Porto Conte di Capo Caccia

Porto Conte a tappe: il Faro di Capo Caccia e la stazione Meteo

Hai mai visto da vicino il Faro di Capo Caccia ad Alghero? E il pallone della stazione meteorologica?

Sabato sera 29 giugno alle ore 18.30 partecipa a piedi o in bicicletta all'evento più cool dell'estate!

Booking.com

Chiuderemo al traffico tutto il promontorio di Capo Caccia e potrai accedere alle aree militari della Marina e dell'Aeronautica.

Una grande festa per tutti immersi nella natura e, successivamente, possibilità di cenare presso la sede del Parco di Porto Conte dove incontrerai il mercato dei prodotti del Parco accompagnati da intrattenimento musicale.

Inoltre con l'iscrizione parteciperai all'estrazione di quasi 500 visite guidate!

Tutte le info dettagliate su www.visitportoconte.it

Il mare più bello 2019: La Sardegna è la regione più premiata

 

Cala Goloritzè - Baunei | Bandiera Blu Sardegna 2019

La Sardegna è la regione più premiata con 5 comprensori a 5 vele

Legambiente e Touring Club Italiano presentano la guida sul meglio del mare e dei laghi in Italia.

La classifica delle Regioni vede la Sardegna al primo posto con la bandiera a Cinque Vele che sventola su cinque litorali dell’isola, seguita da Sicilia, Puglia, Campania e Toscana.

Comprensori a Cinque vele in Sardegna

La Sardegna è la regione più premiata con 5 comprensori a 5 vele: dalle terre della Baronia di Posada, poco sotto Olbia, all’area, più a nord, che comprende la Gallura costiera; più a sud le Cinque vele sventolano anche sul litorale di Baunei e su quello di Chia, la famosa spiaggia del Comune di Domus De Maria. Cinque vele anche sulla costa nord occidentale, lungo il litorale della Planargia, che comprende il Comune di Bosa.

Booking.com

Il mare più bello 2019: Le località più belle d’Italia si affacciano sul Tirreno. Lo dice la guida di Legambiente e Touring Club Italiano, Il mare più bello 2019, che quest’anno assegna il riconoscimento delle 5 vele a ben sette comprensori turistici bagnati da quelle acque. In testa alla classifica c’è il Cilento Antico guidato da Pollica (Sa), la perla del Cilento e comune capofila tra quelli del comprensorio campano. A seguire il litorale della Maremma Toscana guidato da Castiglione della Pescaia (Gr), quindi la Baronia di Posada (Nu) e il Parco di Tepilora, il Litorale di Chia con Domus De Maria (Sud Sardegna), Baunei (Nu), l’Alto Salento Jonico guidato da Nardò (Le), la Planargia con Bosa (Or), la Costa d’Argento e l’Isola del Giglio (Gr), le Cinque Terre guidate da Vernazza (Sp), l’isola di Pantelleria (Tp), la Gallura Costiera e l’area marina protetta di Capo Testa Punta Falcone guidata da Santa Teresa di Gallura (Ss), la Costa del Mito e l’area marina protetta Coste degli Infreschi e della Masseta guidata da San Giovanni a Piro (Sa), l’Alto Salento Adriatico guidato da Melendugno (Le), la costa del Parco agrario degli Ulivi secolari guidata da Polignano a Mare (Ba), il Litorale Trapanese Nord guidato da San Vito lo Capo (Tp) e l’isola di Ustica (Pa). E nella guida entra un nuovo simbolo: quello dei comuni “plastic free”.

Anche quest’anno raccontiamo quanto di buono fanno le amministrazioni locali costiere lungo la nostra penisola – ha dichiarato Sebastiano Venneri, responsabile Mare e Turismo Legambiente -. Il mondo del mare, infatti, si trova a dover dare risposte all’altezza delle sfide imposte dalla crisi ambientale planetaria e ha messo su un bel ventaglio di proposte e iniziative: enti locali, imprenditori privati, associazioni e regioni si sono impegnati a proporre soluzioni avanzate per una vacanza amica dell’ambiente. Tante pratiche concrete sulle quali, ne siamo più che mai convinti, cominciare a cambiare le sorti del pianeta”.

La guida, frutto della storica collaborazione tra Touring Club Italiano e Legambiente, è un periplo lungo i 7500 chilometri di coste italiane che stimola la nostra voglia di viaggio e vacanze, ma è anche, anzi soprattutto, un vaglio rigoroso dello stato di salute dei nostri mari – ha affermato Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano -. La rigorosa selezione proposta dalla guida rappresenta bene la nostra missione: valorizzare il paesaggio, il patrimonio artistico culturale e le economie produttive dei territori. Ne risulta non una classifica, ma una mappatura geografica che fotografa le straordinarie ricchezze dei nostri mari e dei nostri laghi e segnala le buone pratiche ambientali, amministrative, turistiche che contribuiscono a conservarle e a farle conoscere. Un contributo, speriamo, all’anima attiva e green che sempre più spazio sta conquistando nella nostra società. Il tema delle coste ripropone una grande opportunità di sviluppo turistico, laddove si può trovare un rapporto virtuoso tra coste ed entroterra, perché è la condizione ideale per uno sviluppo sostenibile dell’intero territorio e per una pratica turistica che sia esperienziale, personale e sostenibile”.

Sono in tutto 97 i comprensori turistici individuati sulla base dei dati raccolti da Legambiente sulle caratteristiche ambientali e sulla qualità dell’ospitalità. I dati sono stati integrati dalle valutazioni espresse dai Circoli locali e dall’equipaggio della Goletta Verde.

Il giudizio attribuito a ciascun comprensorio, dalle 5 vele assegnate ai migliori fino a 1 vela, è frutto di valutazioni approfondite.

I parametri sono divisi in due principali categorie: qualità ambientale e qualità dei servizi ricettivi. Così, vi saranno zone naturalisticamente più significative dei premiati con le 5 vele, ma con servizi turistici non eccellenti. Altri comprensori possono contare su località con strutture ricettive impeccabili in aree dove però mare e coste sono state più compromesse.

Comprensori a Quattro vele in Sardegna

Anche i comprensori premiati con le Quattro vele si possono considerare luoghi di grande eccellenza, in grado di coniugare un territorio di qualità con gestione dei servizi di buon livello.

Le Quattro vele sventolano in Sardegna su ben 10 comprensori turistici: sul litorale di Pula a sud dell’isola, nel Golfo degli Angeli, lungo la costa sud occidentale e le isole sulcitane, sulla Costa Verde, nel Golfo di Oristano, in quello dell’Asinara, nell’arcipelago de la Maddalena, nel Golfo di Olbia che comprende l’area marina protetta di Tavolara e ancora nel Golfo di Orosei e, poco più a sud, lungo il litorale dell’Ogliastra.

Quest’anno entra nella guida un nuovo simbolo: è quello dei comuni “plastic free”, cioè che hanno adottato misure per ridurre la plastica monouso sul proprio territorio.

Sono 32 quelli presenti nella guida Il mare più bello 2019: San Vito Chietino (Ch), Maratea (Pz), Castellabate (Sa), Pollica (Sa), Capri (Na), Ischia (Na), Sperlonga (Lt), Riomaggiore (Sp), Vernazza (Sp), Bordighera (Im), Otranto (Le), Isole Tremiti (Fg), Carloforte (Sud Sardegna), Domus de Maria (Sud Sardegna), Realmonte (Ag), Capo d’Orlando (Me), Taormina (Me), Favignana (Tp), Noto (Sr), Malfa (Me), Santa Marina Salina (Me), Lampedusa e Linosa (Ag), San Vito lo Capo (Tp), Pantelleria (Tp), Campo nell’Elba(Li), Capoliveri(Li), Marciana Marina (Li), Porto Azzurro (Li), Castiglione della Pescaia (Gr), Follonica(Gr), Scarlino (Gr), Chioggia (Ve).

Queste realtà all’avanguardia nella lotta alla plastica dimostrano come sia tanto urgente quanto possibile vietare l’uso delle stoviglie di plastica, stimolando all’utilizzo del riutilizzabile sui propri territori e anticipando e anticipando i tempi prevista dalla direttiva europea sul monouso approvata a fine marzo.

Classifica dei comprensori 5 Vele

1    Cilento Antico (Sa)    5    Pollica, Acciaroli e Pioppi – Castellabate – San Mauro Cilento – Montecorice
2    Maremma Toscana (Gr)    5    Castiglione della Pescaia – Scarlino – Marina di grosseto – Follonica
3    Baronia di Posada e Parco di Tepilora (Nu)    5    Posada – Siniscola
4    Litorale di Chia (Sud Sardegna)    5    Domus de Maria
5    Baunei (Nu)    5    Baunei
6    Alto Salento Jonico (Le)    5    Nardò – Gallipoli – Porto Cesareo – Racale
7    Planargia (Or)    5    Bosa
8    Costa d’Argento e Isola del Giglio (Gr)    5    Isola del Giglio – Capalbio – Orbetello – Magliano in Toscana – Monte Argentario
9    Cinqueterre (Sp)    5    Vernazza – Riomaggiore – Monterosso al mare
10    Pantelleria (Tp)    5    Pantelleria
11    Gallura costiera e AMP Capo Testa (Ss)    5    Santa Teresa Gallura – Palau – Arzachena
12    Costa del Mito e AMP Costa degli Infreschi e Masseta (Sa)    5    San Giovanni a Piro –Camerota – Palinuro – Pisciotta
13    Alto Salento Adriatico (Le)    5    Melendugno – Otranto – Vernole
14    Parco agrario degli Ulivi secolari (Ba e Br)    5    Polignano a mare – Ostuni – Monopoli – Fasano – Carovigno
15    Litorale Trapanese Nord (Tp)    5    San Vito lo Capo – Custonaci – Erice
16    Ustica (Pa)    5    Ustica

Classifica delle regioni

1) Sardegna

2) Sicilia

3) Puglia

4) Campania

5) Toscana

6) Liguria

Fonte
https://www.legambiente.it/il-mare-piu-bello-2019/

Natura lughente - Sabato 8 giugno Giornata ecologica a Torre Grande

 

giornata ecologica torregrande

L’Assessorato all’Ambiente e quello alle Politiche giovanili del Comune di Oristano, la Consulta Giovani di Oristano e l'Orto di Eleonora chiamano a raccolta i volontari e organizzano una giornata ecologica a Torre Grande.

“L’appuntamento è per sabato prossimo, 8 giugno, dalle 9,30 alle 19, per dare una mano tutti insieme a ripulire l’arenile – spiega l’Assessore all’Ambiente Gianfranco Licheri -. Nel nostro mirino ci sono mozziconi di sigarette e rifiuti di plastica, ma è ovvio che raccoglieremo anche altri rifiuti”.

“Sulla plastica Oristano sta mostrando una sensibilità particolare – aggiunge Licheri -. La Giunta Lutzu nei mesi scorsi ha approvato una delibera che ne limita l’utilizzo e nei giorni scorsi è stato il Consiglio comunale a pronunciarsi all’unanimità con una mozione che dichiara guerra a questo nemico dei fondali marini e dei litorali e più in generale all’ambiente. L’obiettivo è l’eliminazione delle plastiche monouso a Torre Grande, ma anche negli uffici comunali e nelle manifestazioni pubbliche organizzate o patrocinate dal Comune”.

La manifestazione di sabato 8 giugno è organizzata in collaborazione con L’Orto di Eleonora che offrirà frutta e gadget da mare a tutti i volontari che vorranno partecipare all’iniziativa e consegneranno rifiuti nei punti di raccolta. La raccolta dei rifiuti e il trasporto in discarica sarà assicurata dalla società Formula Ambiente che in città cura il servizio di igiene urbana.

“La Consulta giovanile ha scelto questa data perché cade alla conclusione dell’anno scolastico – dice il presidente della Consulta Emanuele Orrù -.  Vogliamo sensibilizzare i ragazzi alle buone pratiche di cittadinanza attiva in un periodo dell’anno durante il quale molte volte si sono registrati episodi di vandalismo e di abbandono indiscriminato di rifiuti, anche a Torre Grande. I giovani vogliono fare la loro parte e dimostrare di essere in prima fila nella tutela dell’ambiente e soprattutto nella campagna plastic free verso la quale siamo tutti molto sensibili”.

Proprio in queste settimane è in corso una campagna di comunicazione a cura dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Oristano per sensibilizzare l’opinione pubblica al a favore dell’ambiente e a una corretta raccolta dei rifiuti urbani.

Fonte:
http://www.comune.oristano.it

Terras, a Tertenia il 1 e 2 giugno

 

terras tertenia 2019

 

Il 1° e il 2 giugno 2019 si svolgerà a Tertenia il raduno regionale della FIE (Federazione Italiana Escursionismo).

Il programma prevede per il sabato un convegno sul turismo sostenibile, che si terrà presso l'aula consiliare del Comune di Tertenia e a cui parteciperanno diversi ospiti, tra i quali:

  • Domenico Pandolfo, Presidente Nazionale del FIE;
  • Matteo Cara, geografo nuorese membro del CAI (Club Alpino Italiano) e della SOSEC (Struttura Operativa Sentieri e Cartografia);
  • Sandro Mezzolani, cartografo ed esperto escursionista, ideatore della “Via dell’Argento”, un itinerario attraverso un sistema di antiche
    miniere d’argento del Sarrabus.

La domenica si terrà invece un'escursione con un affascinante trekking di circa 4 km lungo la costa della marina di Tertenia, su un percorso che condurrà fino al monumento naturale di "Sa Perda Stampada", una roccia erosa dalle forze della natura a strapiombo sull’incantevole costa ogliastrina.

L’evento, completamente gratuito, è organizzato dall’associazione escursionistica Terras Malas Trekking.

https://www.facebook.com/events/436443146913661/

Go to top