Menu
Sei qui: SardegnaArticoliCronaca e AttualitàDalla Corte Costituzionale nuovo punto a favore della Regione Sardegna

Articoli dedicati alla Sardegna

Dalla Corte Costituzionale nuovo punto a favore della Regione Sardegna

logo-regione-sardegna

"La sentenza della Corte Costituzionale rappresenta una nuova breccia significativa per la Sardegna".

E' un Cappellacci giustamente raggiante quello che commenta così sul sito istituzionale della Regione la sentenza della Corte Costituzionale che segna un altro punto a favore della Sardegna nella vertenza caro traghetti dopo quella dell' autorithy antitrust. In questo caso la Corte Costituzionale ha deliberato che "la determinazione delle modalità e delle condizioni di svolgimento del servizio di collegamento marittimo avente ad oggetto in particolare la Regione autonoma Sardegna è espressione di un potere, sì, statale, ma che tocca direttamente un interesse differenziato della Regione e che interferisce in misura rilevante sulle scelte rientranti nelle competenze della medesima, quali il turismo e l'industria alberghiera", dichiarando quindi nel contempo l'illegittimità costituzionale dell'art. 6, comma 19, secondo periodo, del d.l. n. 95 del 2012.

Insomma, vuol dire che per modificare la convenzione con Tirrenia sulla continuità territoriale marittima da e per la Sardegna i ministri dei Trasporti e dell'Economia devono trovare un'intesa con la Regione e non solo acquisire il suo parere consultivo.

Sempre la Corte Costituzionale ha però dichiarato inammissibile la prima parte del ricorso circa l'iter di validità delle convenzione.

LINKS UTILI:

Trasporti, Cappellacci: "Sentenza Corte costituzionale nuova breccia per la Sardegna"

Convenzione con Tirrenia per continuità. Consulta: serve intesa Governo-Regione

Più passeggeri su Tirrenia e Meridiana

Go to top