Menu
SardegnaVacanzeAgriturismo SardegnaAgriturismo Biologico Fighezia


Agriturismo Biologico Fighezia

Fluminimaggiore, Provincia Carbonia Iglesias
Loc.Fighezia

Contatto 3480698303 - 3476954195
Quando chiami avvisa che arrivi da Paradisola.it

Descrizione

Natura rigogliosa, spiagge poco frequentate, tempi lenti e orizzonti aperti. Accoglienza famigliare con un’ottima cucina locale. E' un luogo ideale per rilassarsi trascorrere un periodo di relax! L’agriturismo dedica alla produzione di ortaggi,  frutta e miele,si trova nel sud ovest della Sardegna nel cuore del Parco Geominerario nel territorio di Fluminimaggiore e Buggerru. A sud della costa verde  a circa 30 Km dalle dune di Piscinas. E’ realizzato sul pendio di una collina completamente e si affaccia con un meraviglioso panorama sul vicino litorale distante appena 4.5 Km. La costa, poco frequentata anche durante il periodo estivo, è ancora libera da costruzioni; le località di Portixeddu, Capo Pecora, Cala Domestica sono facilmente raggiungibili tramite una comoda strada asfaltata, altrimenti percorrendo 7 Km. di strada di terra battuta è possibile arrivare in 10 minuti alla stupenda spiaggia di Scivu. 

Le strutture sono  immerse nella tipica vegetazione della macchia mediterranea composta da  corbezzoli, eriche, sughere, filliree ed olivastri. L’agriturismo è composto da quattro edifici separati: nel corpo centrale si trovano la cucina e la sala ristorante con veranda chiusa per 50/60 coperti. Gli alloggi sono realizzati  in tre piccoli edifici separati. In totale abbiamo 10 camere climatizzate, doppie, triple e all’occorrenza anche quadruple. Tutte con vista sul mare, veranda e bagno privato, arredamento semplice e rustico.  Le strutture sono realizzate seguendo criteri della bioedilizia, utilizzando vernici autoprodotte  a base di cera vergine d’api, mattoni in terra cruda e materiali locali come le canne usate per la realizzazione dei tetti. Disponiamo anche di un piccolo appartamento indipendente. di 30 mq con vista sul mare si trova  a circa 80 metri dalla sala, è composto da una camera doppia, un ingresso con divano letto matrimoniale e vano cucina, bagno, veranda, giardino con barbecue.
La cucina famigliare offre piatti semplici e naturali: la mattina colazione in veranda con i prodotti aziendali, a buffet o con servizio al tavolo: marmellate yogurt, latte e caffè,  tè ed infusi di erbe, pane, biscotti e cereali.

La cena è a base di prodotti stagionali locali. Antiposti in veranda a buffet e primi piatti con pastasciutta, risotti, fregola e minestre; secondi e contorni di carne, legumi, verdure e formaggi. Frutta e dolci caffè e liquori della casa. Gli ospiti possono scegliere di mangiare tutti insieme contribuendo a creare un’atmosfera cordiale e simpatica oppure riservare un tavolo separato con maggiore intimità. È previsto anche un menù vegetariano.

Nell’edificio centrale si trova una sala di uso comune con televisione, una piccola biblioteca e uno spazio per i giochi da tavolo; servizi igienici anche per i diversamente abili. Nel giardino angolo relax con tavolo da pingpong.

Il territorio del Sulcis–Iglesiente è parte del Parco Geominerario della Sardegna ed è ricco di testimonianze del lavoro di miniera. Interessanti le visite ai siti di archeologia industriale di Arenas, Su Zulfuru, Galleria Henry, Planu Sartu, e in ultimo Ingurtosu dove si trova anche lo splendido sistema dunale di Piscinas tra i più imponenti d’Europa. Un balzo nel tempo è possibile visitando il Tempio punico – romano di Antas (sede di teatro e musica nelle notti estive), a nord sulla vicina costa sono presenti nuraghi in zona Scivu, tombe di giganti e pozzo sacro a Capo Pecora. Per gli amanti del mare, nel porto di Buggerru  è possibile noleggiare natanti, nella vicina costa tra Masua, Capo Pecora, Cala Domestica  e Scivu si trovano  spiagge e cale deliziose. Il contesto naturale offre la possibilità di osservare numerosi animali selvatici: cervi, lepri, volpi, poiane e falchi, civette. Verso l’interno i rilievi del Fluminese, col Monte Linas su tutti, sono adatti per gli amanti del trekking: sentieri, gole, cascate tra boschi e macchia alta, ma anche grotte, come quella di Su Mannau, attrezzata e visitabile e i giardini botanici come Linasia sul Marganai. Nei dintorni vie segnate per l’arrampicata  e bellissimi percorsi adatti per mauntain bike eventualmente anche con il supporto di guide specializzate;  nelle vicinanze a circa tre km. la possibilità di escursioni e passeggiate a cavallo in un vicino centro di turismo equestre.

Come raggiungerci
Provenendo da nord con la S.S 126 passando per Arbus: 15 km. circa dopo Arbus superate il bivio per la spiaggia di Scivu, continuate sulla 126 dopo circa 10 km. di tornanti in discesa girate a destra 50 mt. prima del bivio per Portixeddu e Buggerru. Percorrete una stradina asfaltata per 1800 Mt. e trovate una nostra indicazione, girate a destra e avanzate 3 km. Trovate un incrocio con un’altra indicazione girare a destra su una strada in salita di terra battuta 500 metri e siete arrivati.
Provenendo da Fluminimaggiore con la S.S 126: superato il paese dopo circa 3 km. trovate sulla sinistra il bivio per Portixeddu e Buggerru. Proseguite sulla S.S 126 per ancora 50 MT. e girate a sinistra sulla stradina asfaltata percorretela per 1800 MT. seguite le indicazioni come indicato sopra.
Arrivando da Nebida con la strada provinciale n° 83: 4 km. dopo Buggerru trovate il bivio per Portixeddu e Capo Pecora, girate a sinistra e dopo 500 MT. girate a destra seguendo le indicazioni per Agriturismo Fighezia e Hotel Golfo del Leone; 15 Mt dopo l’Hotel girate a sinistra e avanzate per 2.5 km. su una stradina prima asfaltata e poi in terra battuta quando trovate una strada perpendicolare girate a destra e dopo 50 Mt. girate a sinistra su una strada in salita di terra battuta.

Coordinate geografiche:
N   39° 27' 33.925" 
E     8° 26' 53.237"

Dettagli

Servizi disponibili: Noleggio Bici, Posto Auto
Trattamento: ---

Posizione

Fluminimaggiore, Provincia Carbonia Iglesias
Loc.Fighezia

Vacanze Sardegna 2018

Vacanze Sardegna 2018

1- Arborea

La storia di Arborea inizia il 4 novembre 1911 quando a Livorno, si è costituita la Società Elettrica Sarda, che era intenzionata alla distribuzione dell'energia elettrica nel bacino del Tirso. Il 16 febbraio Antonio Pierazzuoli invia una lettera a Giulio Dolcetta, nel quale illustra un Piano per la bonifica della zona terralbese.

Dopo l'accettazione del piano, dichiarato finanziariamente conveniente, Porcella ebbe il compito di convincere i terralbesi a cedere i terreni, Pierazzuoli studiò le leggi, per verificare se fosse possibile passare a forme di esproprio dei terreni, mentre Dolcetta ebbe il compito di tenere i contatti con i gruppi finanziatori. Il 14 giugno 1918, a Livorno, Dolcetta, riesce con la collaborazione di altri imprenditori a fondare la Società di controllo delle bonifiche, e dopo circa un mese Porcella fa sapere a Dolcetta di aver concluso i compromessi d'acquisto dei terreni, mentre per ottenere in "anfiteusi" i terreni del comune occorrono atti separati.

L'otto agosto dello stesso anno, il Decreto Luogotenenziale n°1256 concede l'esecuzione della bonifica. Dolcetta prese accordi con altri ingegneri Dionigi Scano e Flavo Scano. Il 5 ottobre 1918 viene presentato al Ministero per i lavori pubblici il progetto di bonifica. Il 23 dicembre1918 viene costituita, davanti all'avvocato milanese Federico Guasti, la Società Bonifiche Sarde. Nel gennaio 1919 Dionigi Scano forma 14 squadre per eseguire i rilievi.

Il 10 novembre 1919 il municipio di Terralba approva il piano di trasformazione, mentre Dolcetta avviava le trattative per incorporare anche lo stagno del Sassu. Il 18 giugno 1920 Dolcetta presenta il piano di Bonifica al consiglio di amministrazione della Società Bonifiche Sarde, che verrà modificato l'anno seguente. Il 21 aprile 1922 il trattorista Mario Basciu poi soprannominato Romolo tracciò col vomero di un potente aratro trainato da un trattore titanus il primo solco da nord a sud corrispondente all'attuale strada provinciale 42. Il 26 marzo 1926 giunge con la sua famiglia il 1° Mezzadro, Alfonso Giorda, da Bosa (NU). Il 29 ottobre 1928 dopo diciassette anni dalla nascità della prima società che ha poi portato alla bonifica (Società Elettrica Sarda) e dieci anni dopo la nascità della Società di controllo delle bonifiche, viene inaugurato alla presenza del Re d'Italia Vittorio Emanuele III, al Ministro Constanzo Ciano e al Vescovo di Ales Mons. Emanuelli "Villaggio Mussolini", che diventerà "Comune di Mussolinia" il 29 dicembre 1930. Prenderà il nome attuale di Arborea il 17 febbraio 1944.

Agriturismo Sardegna

Agriturismo Sardegna

questa pagina propone i migliori

Agriturismo in Sardegna

ordinati per località: soggiorni in varie tipologie di agriturismo, sul mare, a sud e a nord della Sardegna.

Clicca il nome dell'agriturismo per vedere le foto, leggere la descrizione della struttura e dei servizi offerti e infine compila il modulo per avere un contatto diretto con i titolari.

Chi sceglie un

Agriturismo in Sardegna

ama la natura, le tradizioni di Sardegna e la bontà della cucina tipica.

Go to top