Menu
SardegnaSagreSant'Efisio 2018Sant'Efisio 2016: Luigi Minerba è Alter Nos

Sant'Efisio 2016: Luigi Minerba è Alter Nos

luigi minerba

Festa Sant'Efisio 2016: Il Sindaco Massimo Zedda ha scelto l'Assessore alle politiche sociali e alla salute Luigi Minerba quale Alter Nos della 360ma Festa di Sant'Efisio. Solitamente la scelta cade su un consigliere, ma essendo la legislatura in scadenza, secondo la prassi la nomina ha riguardato un componente dell'esecutivo.

Sarà quindi Luigi Minerba ad avere il prestigioso compito rappresentare la Municipalità di Cagliari durante la giornata più sentita dai cagliaritani, sfilerà perciò con la fascia tricolore e il Toson d’Oro - un medaglione in oro massiccio sul quale spiccano le effigi delle torri e della croce sabauda e donato nel 1679 da Carlo II re di Sardegna e d’Aragona - che vestirà durante il rito della vestizione e dell'investitura, che una volta interessava niente di meno che il Viceré.

Minerba è peraltro un devoto di Sant'Efisio ed è solito effettuare il pellegrinaggio che accompagna il simulacro del santo una volta lasciata Cagliari per dirigersi alla chiesa di Giorgino con il gruppo del Villaggio dei Pescatori, come la sua foto tratta dal profilo Facebook della Festa di Sant'Efisio testimonia.


 

L'Alter Nos è la figura che rappresenta la Municipalità di Cagliari e nella cerimonia simboleggia l'ufficialità del ringraziamento pubblico al Santo.

Ai tempi della monarchia (spagnola prima, sabauda poi) era il Vicerè, “l’Altro Noi”, che, in rappresentanza del re e sfilava per la Festa di Sant’Efisio. Oggi, invece, è un membro dell’Amministrazione Comunale.

Insieme ai confratelli dell’Arciconfraternita del Gonfalone è colui che aiuta gli indigenti votati al Santo.

La scelta dell’Alter Nos è discrezione del Sindaco che gli conferma la nomina in Aprile. Dalla nomina in poi il prescelto si dedica alle lezioni di equitazione, alla scelta degli accessori per il frac che viene cucito su misura e inizia a prendere parte alle manifestazioni dell’Arciconfraternita.

Il primo Maggio i mazzieri, accompagnatori ufficiali delle più alte cariche cittadine, conducono l’Alter Nos in Municipio al cospetto del Sindaco. Qui avviene l’investitura ufficiale di fronte alla Guardianìa.

Il Sindaco decora l’Alter Nos con il “Toson d’oro”, un medaglione in oro massiccio donato nel 1679 da Carlo II re di Sardegna e d'Aragona. Sul Toson d’oro spiccano le effigi delle torri e della croce sabauda. Decorato da questo gioiello e fasciato dal tricolore, l’Alter Nos si avvia verso la chiesa di Sant’Efisio dove alle undici si svolge la Messa solenne in suo onore. Durante la messa, cantata in latino, viene consacrato religiosamente e finalmente racchiude in se i due aspetti della festa: quello civile e quello religioso.

Il rappresentante della municipalità segue il cocchio del Santo anche nelle tappe successive fuori città fino al ritorno il 4 Maggio nella chiesetta di Sant’Efisio.

Tutti gli Alter Nos dal 1977

  • 1977 Mario De Sotgiu
  • 1978 Michele Di Martino
  • 1979 Michele Di Martino
  • 1980 Mario Orrù
  • 1981 Mario Orrù
  • 1982 Mario De Sotgiu
  • 1983 Antonio Tavolacci
  • 1984 Silvestro Furcas
  • 1985 Mario Orrù
  • 1986 Mario Orrù
  • 1987 Lucio Artizzu
  • 1988 Antonio Tavolacci
  • 1989 Luciano Fozzi
  • 1990 Ambrogio Atzeni
  • 1991 Giampiero Sanna
  • 1992 Sergio Marracini
  • 1993 Giovanni Mulas (noto Gianni)
  • 1994 Gianni Tuveri
  • 1995 Carlo Porceddu
  • 1996 Carlo Porceddu
  • 1997 Emilio Pani
  • 1998 Emilio Pani
  • 1999 Sandro Piredda
  • 2000 Giandomenico Sabiu
  • 2001 Salvatore Gullotta
  • 2002 Giandomenico Sabiu
  • 2003 Ugo Storelli
  • 2004 Giorgio Adamo
  • 2005 Alessio Mereu
  • 2006 Raffaele Lorrai
  • 2007 Edoardo Tocco
  • 2008 Raffaele Bistrussu
  • 2009 Franco Masia
  • 2010 Stefano Schirru
  • 2011 Salvatore Mereu
  • 2012 Francesco Ballero
  • 2013 Filippo Petrucci
  • 2014 Giovanni Dore
  • 2015 Matteo Lecis Cocco Ortu

http://www.ufficiostampacagliari.it

Go to top