Menu
SardegnaNaturaOrografia

Orografia della Sardegna

Cartina SardegnaIL RILIEVO
Il territorio montuoso è costituito a nord dai Monti Limbara, mentre nella zona centro orientale sorge il massiccio dei Monti del Gennargentu, la cui vetta più alta è quella della Punta La Marmora.

Staccati verso occidente ci sono i Monti di Alà, del Goceano, del Marghine e altri brevi catene.

Nella parte meridionale dell'isola ci sono i Monti dell'Iglesiente e del Sulcis dove ci sono delle miniere di piombo e zinco. I monte più alti di questa catena sono il Monte Linas e il Caravius.

Nella parte settentrionale ed orientale le coste sono rocciose, mentre nella parte occidentale e meridionale le coste sono basse e sabbiose e in parte paludose.

Partendo da nord e spostandosi da Punta Falcone fino a Capo Comino la costa è molto frastagliata e ricca di insenature con delle piccole baie.

Da Capo Comino a Capo Carbonara la costa è quasi tutta lineare, ed è interrotta solo dal Golfo di Orosei.
Tra Capo Falconara e Capo Spartivento si apre il Golfo di Cagliari.

Tutta la costa occidentale, da Capo Teulada a Capo d'Argentiera è molto più complessa.

Il più grande golfo è quello di Oristano. La costa settentrionale presenta il tortuoso Golfo dell'Asinara e le larghe insenature, fino a Punta Falcone.

Alle due estremità dell'isola troviamo delle piccole isole che stanno poco distanti dalla costa. Le principali sono: a nord l'Asinara, la Maddalena, Caprera, Molara e Tavolara; a sud San Pietro e Sant'Antioco di origine vulcanica, che per un breve tratto è attaccata alla terraferma.

FIUMI E LAGHI
I fiumi della Sardegna sono a carattere torrentizio. Il principale è il Tirso che sfocia nel Golfo di Oristano.
Altri fiumi importanti sono il Coghinas, il Flumendosa e il Samassi o Flumini Mannu.

monte-fumai-orgosolo
Monte Fumai - Foto di Enrico Speziga

Menu

Menu

Autunno in Barbagia 2017

Autunno in Barbagia 2017: un circuito incantato che ci condurrà nei paesi dell’interno della Sardegna.

Go to top