Menu
SardegnaNaturaItinerariItinerario fra Sassari e Castelsardo

Itinerario fra Sassari e Castelsardo

candelieri sassari paradisola

L'itinerario è di circa 100 km. dopo una strada costiera, piena di curve, che offre splendidi panorami sul mare e su tratti della scogliera il paese si presenta agli occhi del visitatore con uno stupendo colpo d'occhio: un borgo dalle vie strette sulla sommità di un colle proteso verso il mare.

 1 - Sassari

Sassari capoluogo della provincia più vasta d'Italia, è ubicata a nord ovest della Sardegna. E' la seconda città dell'isola per numero di abitanti ed è il terzo Comune d'Italia dopo Roma e Ravenna per estensione territoriale.

Sorge su un tavolato calcareo inclinato verso il golfo dell'Asinara, ed è circondato da un territorio collinoso nella parte sud-est; tuttavia presenta anche un'ampia estensione pianeggiante denominata "Nurra" nella parte nord-ovest.

Intorno ad un centro storico otto-novecentesco, la città dal 1837 si è estesa oltre le mura dando luogo a ben 13 borgate, con significativi insediamenti urbani, situate a raggiera verso il mare.

La costa, che si estende per 32 km, è alta, frastagliata e sabbiosa, alcune note spiagge tra cui Platamona, Fiume Santo, Argentiera, e Porto Ferro che ne segnano i confini. Il clima è marittimo, mite e temperato.

Il suo territorio presenta vaste aree coltivate a orti, vigneti e uliveti, ed una parte ancora integra di macchia mediterranea. Qui si trovano alcune tipiche piante che caratterizzano l'intera isola, quali fra le altre il corbezzolo, il mirto, il lentischio e il cisto, che ne connotano il tipico profumo e il colore

2 - Tergu

La cittadina offre ai visitatori la bellissima Chiesa di Santa Maria del XIII secolo, testimonianza della presenza dei benedettini di Montecassino sull'isola; in origine vi era annesso un monastero.

Dispone anche di numerose aziende agrituristiche.

 3 - Sennori

Ricco ed operoso paese dell'Anglona, vicino a Sassari, ha un costume femminile fra i più conosciuti dell'isola. Tra le varianti del costume: sposa, vedova e giornaliero. Le donne hanno il capo coperto da una pezzuola di lino bianco ricamato, il viso incorniciato da tulle bianco.
Il corsetto, in velluto di seta é ricamato in oro, ha ampie maniche che mettono in bella mostra la candida camicia ricamata a trafori e con intarsi di pizzo San Gallo. La gonna in panno nero, fittamente plissettata, termina con una balza in raso rosso. Il grembiule di seta celeste ("su cameddu") ha ricami a motivi floreali.

Il costume maschile ha una giacca di velluto rosso con guarnizioni dorate.

Autunno in Barbagia 2017

Autunno in Barbagia 2017: un circuito incantato che ci condurrà nei paesi dell’interno della Sardegna.

Go to top