Menu
SardegnaNaturaAree Naturali SardegnaArea marina Capocaccia Isola Piana

Area marina Capocaccia Isola Piana

Siamo nella costa ovest, vicino ad Alghero, nell’ampia insenatura di Porto Conte, che va dalla rocciosa penisola di Capo Caccia, sino a Capo Galera, di fronte ci sono le isola Piana e Foradada. I fondali sono ricchi di colonie di corallo rosso, praterie di poseidonie, fra archi e volte formati dall’erosione del mare nuotano indisturbati dentici, gronghi, ricci, crostacei e molluschi. In cielo si possono avvistare i falchi pellegrini e i grifoni che nidificano nelle pareti rocciose.

Da Nur on-line
Il Parco e l'Area marina protetta ricadono interamente nel territorio di Alghero. Il Parco ha inizio a sud-est con la laguna del Calich per proseguire verso la costa, includendo il sistema del Monte Doglia, fino all’ampio golfo di Porto Conte che è protetto dai promontori di Punta Giglio e Monte Timidone-Capo Caccia.
L'area marina protetta abbraccia il prospiciente tratto di mare, fino alla Punta Cristallo a nord-ovest.
Il golfo di Porto Conte (il “porto delle ninfe” dei romani) è uno dei tratti di costa più belli dell’isola e per questo ampiamente turisticizzato; accanto ai numerosi insediamenti vacanzieri vi sono però tratti ancora impervi e inaccessibili che conservano un importante patrimonio floro-faunistico.
Ugualmente notevoli, all’interno del parco, le formazioni calcaree mioceniche, in parte con falesie, che sono interessate da un carsismo diffuso di grotte emerse e sommerse tra i più vasti del Mediterraneo. Celeberrima, nello sperone roccioso di Capo Caccia, la Grotta di Nettuno, che si sviluppa per 2500 m. e che è resa suggestiva dal lago salato che l’attraversa, dal colonnato, dalle spiaggette interne, dalle concrezioni, dai saloni e dai cunicoli, frutto del lavorio delle acque marine e dello stillicidio sulla roccia calcarea.
Davanti alle alte, spettacolari falesie dello stesso Capo Caccia si staglia l’Isola Foradada, un frammento di costa staccatosi in tempi geologici, dall’aspetto impervio, “forata” da parte a parte da una grotta scavata dal mare (Grotta dei Palombi); più a nord, l’Isola Piana, dal tipico profilo tabulare.
Il patrimonio floristico dell’area del Parco è caratterizzato, nei promontori che chiudono Porto Conte, dalla macchia con la spinosa Centaurea horrida, endemismo sardo-corso, e la palma nana, unica palma spontanea europea presente nel Mediterraneo; nelle acque del golfo, da vaste praterie di Posidonia oceanica, pianta estremamente delicata e insostituibile quale luogo di rifugio e riproduzione per la fauna marina costiera.
Sono state infine segnalate 35 specie di mammiferi e ben 150 di uccelli, fra i quali ultimi rivestono particolare importanza gli uccelli marini che nidificano tra le falesie (berta maggiore e minore, uccello delle tempeste, gabbiano corso, marangone dal ciuffo) ed i rari esemplari di falco pellegrino e di grifone.
Nell’area del parco è presente la Foresta Demaniale Porto Conte (“Le Prigionette”), all’interno della quale ricade l’oasi faunistica di specie quali i cavallini della Giara, i daini e gli asini.
Il territorio del parco, frequentato già nel neolitico antico (Grotta Verde, VI millennio a.C.), restituisce importanti monumenti di età nuragica (Palmavera, Sant’Imbenia), resti di ville signorili romane (Sant’Imbenia), torri litoranee di età spagnola. Non mancano di un certo pregio le strutture penitenziarie dismesse del novecento, caratterizzate da un sobrio neoclassicismo (Tramariglio).

Sito ufficiale http://www.ampcapocaccia.it/

Codice EUAP0554
Denominazione Area naturale marina protetta Capo Caccia Isola Piana
Regione SARDEGNA
Raggruppamento A.P. Aree Naturali Marine Protette e Riserve Naturali Marine
Organismo di gestione Comune di Alghero
Provvedimento
Istitutivo
D.M. 20.09.02
Superficie a Terra (ha) 0
Superficie a Mare (ha) 2631
Note Azienda di Soggiorno di Alghero - Tel. 079/979054

Autunno in Barbagia 2017

Autunno in Barbagia 2017: un circuito incantato che ci condurrà nei paesi dell’interno della Sardegna.

Go to top