Menu
SardegnaCulturaProverbi della Sardegna

Proverbi della Sardegna

S’hommini bonu fueddat in facci
l’uomo onesto parla in faccia


Gennaiu siccu, messaiu arriccu. Gennaiu proinosu, messaiu priogosu
Gennaio secco contadino ricco, Gennaio piovoso contadino misero


Su tricu de Marzu non du messas attu
Il grano di marzo non tagliarlo alto


Si oisi binu in cuba, in Marzu puda
Se vuoi il vino in botte, pota di Marzo


Prestu et bene, non andanta mai bei
Presto e bene, non vanno mai insieme


Su caminu cruzzu imbecciat su burrincu
Il cammino corto fa invecchiare l'asino


In domu 'e su ferreri schidone 'e linna
In casa del fabbro spiedo di legno


Vora dae coru, vora dae pensamentu
Lontano dal cuore, lontano dal pensiero


Chi dha faidi dha pensada
Chi commette un'azione, l'ha studiata


Forza paris
Avanti insieme


Su molenti sardu du frigas una botta scetti
Il somaro sardo lo freghi una volta sola


Niunu frabanciu senza testimongius
Non vi è bugiardo senza testimoni


Sa cosa cocta non tornat mai crua
La cosa cotta non torna mai cruda


Confida in totusu, et fidadi de pagusu
Confida in tutti e fidati di pochi


Homini ostinau non pensat chi morit
l’uomo ostinato non pensa che deve morire


S’homini frabanciu est tentu in pagu cuncettu
l’uomo bugiardo è tenuto in poco concetto


A s’hommini justu non di succedit mali
all’uomo giusto non gli accade del male


I s’hominisi funti commenti is pillonis
gli uomini sono come gli uccelli


Homini bonu e homini mau, non andanta mai impari
uomo buono e uomo cattivo non vanno mai insieme


In divinu et in humanu / Si a binti non esti gallanti / Si a trinta non thei scienza / A carata non hat prudenzia / A cinquanta non esti devotu / S’homini esti perdiu in totu
L’uomo nelle cose divine e umane / se a vent’anni non è galante / e a trenta non ha scienza / e a quaranta non ha prudenza / e a cinquanta non è devoto / l’uomo è perso del tutto


Mellus terra senzè pani, che terra senza justizia
Meglio un paese senza pane, ma sicuro, che un paese senza sicurezza


Justizia pronta, vinditta fatta
Giustizia pronta, vendetta fatta


Pustis de sa justizia benit sa morte
Dopo la giustizia viene la morte


Sa justizia est pro totus
La giustizia è per tutti


S’homine de pagua passiènzia ndi beniri che binu de dusu
L’uomo di poca pazienza diviene come il vino da due - Cioè come il vino che si vende a basso prezzo


S’homine petulante in d’ognia cosa si bidi
L’uomo petulante si conosce in ogni cosa


Sa facci narada chie est s’homini
Il viso annunzia chi è l’uomo - Dal viso si conoscono gli uomini


Homine in domu, pani fattu
Uomo in casa, pane fatto. - L’uomo diligente assicura il benessere della casa


De s ‘homini est su errare, de su bugiu su perseverai
Dell’uomo è sbagliare, il perseverare nell’errore è del diavolo


Homine barrosu non du timasta
L’uomo chiacchierone, non temerlo


S’avaru non intrat in Cielu
L’avaro non entra in Cielo - Cioè, è difficile che si salvi


S’avaru non gosada mai dei benis susu
L’avaro non gode mai dei suoi beni


A chi est amigu s’amori di durada
Al vero amico dura l’amore


Ai ricchezzas accudinti i s’amigusu
Alle ricchezze accorrono gli amici


Mellusu unu bonu amigu chi non unu mau parenti
Meglio un buon amico che un cattivo parente


Amigu fidau, teniddu preziosu
Amico fidato, tienilo prezioso


Pò connosci un’amigu de precisu, pappai deppisi unu saccu de sabi impari
Non si conosce bene un amico se non dopo averlo praticato per anni, fino ad aver mangiato insieme una tale quantità di alimenti che per condirli c’è voluto un moggio di sale


Feisì amigusu
Fatevi amici - Questo è quasi un testamento che i Sardi lasciano ai loro figli


Mellus unu amigu accanta chi non unu parenti aillargu
Meglio un amico vicino, che un parente lontano


Sa pobidda de su furoi ponidi sa padedda senzè pezza
La moglie del ladro mette là pignatta al fuoco prima porti la carne - Si dice di chi fa castelli in aria


Amore e signoria non ciccanta cumpangia
Amore e comando non vogliono compagnia - Cioè, sono sempre gelosi quelli che amano e che comandano


Amai e non essi amau esti tempus perdiu
Amare e non essere corrisposto, è tempo perduto


Chi de amore si chesciada, de arrabbiu si moridi
Chi si duole d’ amore, di rabbia muore


Amore e tùssi non si podiri cuai
L’ amore e la tosse non si possono nascondere


S’amori nou ci bogada su becciu
L’amor nuovo caccia il vecchio


De amigusu esti mellusu a ndi tenni puru in domu de su bugiu
È bene avere degli amici anche a casa del diavolo - Iperbole per esprimere il bisogno di avere degli amici


Mellusu corpusu de amigu chi non lusingasa de inimigu
Meglio avere bastonate dall’amico che lusinghe dal nemico


Chie perdonat a s‘inimigu, de manu de s ‘inimigu mori
Chi perdona al nemico, muore per mano del nemico - Si dice non perché non si debba perdonare al nemico invito ad essere cauti, a non fidarsi del nemico


De su traballu fattu non ti peltasta mai
Del lavoro fatto non pentirti mai


Traballu inutilli, traballu maccu
Lavoro che non arreca utilità, lavoro pazzo -Cioè, fatica perduta per il corpo e per lo spirito


Su traballu fattu cum coru, est aggradessiu a Deusu
Il lavoro fatto con il cuore è gradito a Dio - Si riferisce sia a opere materiali che spirituali


Traballu continu bincit ognia cosa
Il lavoro assiduo vince ogni cosa


Deus ti fastidi de abrasa disgraziata
Dio ti guardi da altri travagli - Si dice a quelli che escono dalle carceri, o che abbiano pena, oppure che si sono liberati da altri affanni


Si traballu annunziada chini dà fattu
Il lavoro stesso indica chi l’ha fatto


Sa fortuna andada cum sa cura
La fortuna si abbina alla cura - Con la diligenza e con il lavoro


Ognia cosa benidi e passada, foras de su fueddu de Deus
Ogni cosa viene e va, eccetto la parola di Dio


Sa cosa agatada Deus d‘ha mandada
La cosa trovata, Dio l’ha mandata


Sa cosa antiga durada de prusu
La roba antica dura di più -Perché fatta senza risparmio


Sa cosa furada durada pagu, e comenti esti benia, sindi andada
La cosa rubata poco dura, e come viene se ne va


Sa cosa chi si trattada, si finii e si guastada
La cosa che si tratta si consuma e si guasta


Femina risulana, o est macca o est vana
Donna che ride sempre, o è pazza, o è vanitosa


Femina tabbaccosa, femina viziosa
Donna che prende tabacco, donna viziosa


Jnnùi non penetrada sa femina, non penetrada mancu su bugìu
Dove non arriva la donna non arriva neanche il diavolo


Femina langia, corriaccia
Donna magra, forte - Significa che resiste più alla fatica


Sa femina esti cummenti sa méla, affora bella, e aintru punta
La donna è come la mela, fuori bella e dentro bacata


Né sabudu senzè sobi nè femina senza amori
Né sabato senza sole, né donna senza amore

Go to top