Menu
SardegnaArticoliTurismo e vacanzeTurismo e ricchezza: Bolzano, Rimini e Venezia in vetta alla classifica. Sardegna lontana.

Turismo e ricchezza: Bolzano, Rimini e Venezia in vetta alla classifica. Sardegna lontana.

turismo-in-sardegna

Sono Bolzano, Rimini e Venezia le provincie dove il turismo produce maggiore ricchezza, mentre la Sardegna si piazza a metà classifica, anche se, all'interno della nostra regione, le differenze tra provincia e provincia sono piuttosto marcate. Per capirci Bolzano produce 16.312 euro per abitante di valore aggiunto turistico, Rimini 13.714 euro e Venezia 12.308, mentre nel nord Sardegna non si superano i 7 mila euro e nel sud della nostra isola i 3.500 euro. E' questo l'esito della più completa analisi sul turismo che abbia visto di recente, a cura di Unioncamere Emilia-Romagna, che ha presentato una ricerca dal titolo "Il turismo invisibile", nel quale si calcola, incrociando una serie di dati e applicando poi coefficienti di ponderazione per calibrare il peso sui diversi territori, il Pil del turismo sia a livello nazionale che locale.

Turismo mondiale in crescita, ecco quanto vale:

Si parte da un'accurata analisi di contesto, dai dati statistici internazionali, per arrivare all' indice di competitività del turismo e alla competitività del marchio Paese. Ebbene i dati relativi alla prima metà del 2017 confermano e consolidano la crescita turistica, nei primi quattro mesi dell’anno gli arrivi internazionali sono aumentati del 6 per cento, un trend previsto in ulteriore rafforzamento nei mesi estivi, in particolare per quanto riguarda il mercato europeo. Per l'Italia significa un valore economico del comparto turistico di 183 miliardi di euro di ricchezza, il 12,2% del Pil del Paese, con quasi due milioni e mezzo di addetti coinvolti direttamente o indirettamente nel turismo (13,4 per cento circa dell’occupazione complessiva) e 654 mila imprese operanti nel settore (12,7 per cento del totale).

Da segnalare anche che il PIL turistico mondiale  nel 2016 è stato di oltre 2.306 miliardi di dollari, pari al 3,1% del totale per unaproduzione mondiale di ricchezza stimata in 7.613 miliardi di dollari, il 10,2 per cento del totale, con 292 milioni di occupati.

Insomma, l’Italia è all’ottavo posto, preceduta da Francia e India, con un peso sul PIL turistico mondiale del 2,7 per cento, non lontano dal 3,1 per cento che rappresenta la quota Italia sulla spesa turistica internazionale globale. Le previsioni del WTTC stimano che nel prossimo decennio il PIL mondiale del settore viaggi e turismo, diretto e indiretto, crescerà di oltre il 50 per cento, nel 2027 gli occupati del comparto saranno 382 milioni, vale a dire l’11 per cento dell’occupazione totale.

PIL turistico nelle regioni italiane:

valore aggiunto turismo dati regionali italia

Nel 2015 le presenze turistiche in Italia hanno sfiorato i 400 milioni, il 16% di queste in Veneto, prima regione italiana (63 milioni di presenze). Al secondo posto il Trentino Alto Adige (45 milioni), a seguire Toscana (44 milioni), Lombardia (37 milioni) ed Emilia-Romagna (36 milioni). E la Sardegna? 13ma con  sole 12 milioni di presenze. Ma non solo in Trentino Alto-Adige, per ogni abitante ci sono quasi 43 presenze turistiche, al secondo posto la Valle d’Aosta che precede il Veneto, la Toscana e l’Emilia-Romagna (8,2 presenze ogni abitante). E la Sardegna? Stavolta si piazza bene con 7,5. Sono dati importanti perchè il rapporto tra contributo diretto e indiretto del turismo sulla ricchezza nazionale determina un moltiplicatore medio pari a 1,94. Significa che ogni 100 euro di valore aggiunto diretto se ne aggiungono 94 indirettamente attraverso l’attivazione produttiva e di reddito.

Ed ecco allora che in Italia, in media, ad ogni abitante italiano corrispondono tremila euro di valore aggiunto turistico. In testa alla graduatoria regionale con oltre 10mila euro di PIL turistico per abitante si staccano Valle d’Aosta e Trentino Alto-Adige, forti della combinazione molti turisti-pochi abitanti. La Sardegna pur avendo pochi abitanti e credendo di avere molti turisti solo perchè le spiagge in estate sono molto affollate, non brilla in questa speciale classifica. Se nel nord ovest e nord est della nostra isola si sfiorano i 7 mila, nel resto non si va oltre i 3500 euro.

valore aggiuntoturismo per provincia italia

Ora io chiedo a chi è andato in Trentino Alto Adige, vi sembra forse che il territorio sia stato devastato da speculatori edilizi o che la presenza degli alberghi abbia rovinato ambiente e panorama? Eppure ospita il quadruplo dei turisti della Sardegna, ha il doppio delle imprese e quasi il triplo degli occupati. La parola chiave è destagionalizzare e offrire servizi di qualità.

Trovate qui tutti i dati della ricerca.

Go to top