Menu
SardegnaArticoliCronaca e AttualitàIndustria tessile in Sardegna, un patrimonio di 1.688 imprese e 1800 occupati!

Industria tessile in Sardegna, un patrimonio di 1.688 imprese e 1800 occupati!

collezione fall 2018 antonio marras

Si è svolta a fine febbraio la Fashion Week di Milano, che diventa anche l'occasione ghiotta per parlare dello stato di salute del comparto tessile in Sardegna. E lo facciamo con gli ultimi dati dell' Osservatorio di Confartigianato sul comparto moda isolano, i quali spiegano come siano ben 1.688 le imprese che si occupano di tessile, abbigliamento, calzature e di altre numerose produzioni accessorie, con 1.800 addetti. Il 71,8% di esse è rappresentato dalle imprese artigiane.

Boom esportazioni:

Nel 2016 inoltre le esportazioni sarde del settore moda sono cresciute del +21,3% per un fatturato di 25,4 milioni di euro. Il 78,8% delle esportazioni del settore e riconducibile al comparto tessile-abbigliamento-calzaturiero con 9 mln per la pelle, 6 per l'abbigliamento e 5 per il tessile. Ben quattro milioni sono andati all'occhialeria e uno alla gioielleria, settori cresciuti ognuno del 100%.

Dove va l'abbigliamento made in Sardinia?

Il 56,3% si concentra su Cagliari, mentre il 23,6% viene venduto nella provincia di Olbia-Tempio, curioso semmai notare come nella top 10 del 2016 ci siano anche Tunisia (12,3%), Francia (12,0%), Germania (11,0%), Hong Kong (6,4%), Regno Unito (5,7%), Stati Uniti (5,5%) e Russia (4,8%).

Punta di diamante della moda sarda è lo stilista Antonio Marras che con la sua collezione "Autunno Inverno 2018/19" ha ancora una volta stregato tutti proprio alla Fashion week di a Milano, rievocando il sogno americano per parlare di migrazione. Guarda adesso tutte le foto (Andrea Baioni for Antonio Marras, incluse quelle a inizio articolo).

Go to top