Menu
SardegnaArticoliBuone NotizieDighe e invasi della Sardegna pieni dopo il maltempo!

Dighe e invasi della Sardegna pieni dopo il maltempo!

lago omodeo

Dopo un mese di intenso maltempo, con temporali, precipitazioni, tifoni e le nevicate più copiose degli ultimi 30 anni arriva la buona notizia. E' finita l'emergenza siccità, i bacini sardi sono pieni e in alcuni casi lo sono praticamente fino all'orlo, pensate che in un solo mese sono stati immagazzinati ben 300 milioni di litri. Insomma tutti coloro che temevano l'avvitarsi in un nuova spirale siccitosa possono tirare un sospiro di sollievo, adesso abbiamo acqua per l'estate e abbiamo acqua per l'agricoltura.

Secondo i dati dell'Autorità di bacino, su un volume complessivo di 1.764,83 mln di metri cubi autorizzati, oggi nell'Isola la capacità è di 1.219,35 mln, cioè il 69,1% del totale, circa 300 mln in più rispetto a dicembre 2016 e circa 200 mln in più rispetto a un anno fa (quando vi furono soli 1.043,08 mln, il 59,1% del totale autorizzato).

Così gli invasi principali del territorio: 

  • Posada-Cedrino: 100,6% di capienza raggiunta;
  • Sistema Sud Orientale: 98,3%;
  • Tirso: 77,9%;
  • Coghinas: 72,3% (contro il 46,9% di un mese fa);
  • Flumendosa-Campidano-Cixerri: 63,1%
  • Liscia: 51% (rispetto al 32,6% di dicembre);
  • Sulcis Iglesiente: qualche preoccupazione in più per il sud ovest della Sardegna con soli 28,98 mln di metri cubi sui 75,85 mln, sempre più dei 21,76 mln di un mese fa, ma siamo comunque ben sotto il 50%.

E consideriamo che abbiamo di fronte a noi diversi mesi storicamente piovosi in Sardegna, dove la stagione delle piogge parte a ottobre per terminare ad aprile.

Go to top