Menu
SardegnaArticoliAmbiente e naturaFrutteto condiviso a Cagliari

Frutteto condiviso a Cagliari

frutteto condiviso cagliari

Frutteto condiviso a Cagliari: mille metri quadrati di terreno tra le vie Biasi e Salvator Rosa, nel quartiere Fonsarda di Cagliari, sono stati trasformati in un frutteto solidale che potrà essere curato e utilizzato dai residenti, quali potranno anche cogliere liberamente i frutti - limoni, arance, clementine o pompelmi e Kumquat (il piccolo agrume di origine asiatica) - e piantare degli ortaggi tra gli alberi. La presentazione del giardino solidale è avvenuta venerdì scorso, alla presenza del sindaco Massimo Zedda e dell'assessore al verde Pubblico Paolo Frau.

Come funziona, ecco le uniche due regole:

  • Per tutelare la salute delle piante con strappare i frutti dagli alberi, ma usa le forbici.
  • Ricorda: i frutti sono destinati a tutti, non solo a te. Servitene con criterio.

Così il sindaco Zedda:

Investiamo risorse pubbliche anche perché abbiamo vinto una serie di bandi a livello europeo nella realizzazione di parchi verdi - ha spiegato Zedda - In altri casi, quando possiamo, scegliamo gli interventi puntuali e cerchiamo di intervenire nei tanti quartieri che non hanno una riqualificazione del verde così diffusa come altre zone della città. In alcuni casi ci sono tante persone o associazioni che chiedono la possibilità di avere spazi da poter gestire autonomamente: c'è quindi indubbiamente in queste riqualificazioni - ha concluso - un'attenzione da parte di coloro che stanno attorno a questi spazi e che sono i primi guardiani dei luoghi.

Insomma trattiamo bene le piante e lasciamo dei frutti a tutti. Per il resto non ci sono steccati né recinzioni, ma filari di ulivi per delimitare il terreno e addirittura una fonte per poter innaffiare gli orti che sorgeranno. Adesso tocca ai cagliaritani dare il meglio di sè.


Go to top